Franco Lerda: «già smaltita la delusione Perugia. Ora pensiamo al Martina»

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1262

PESCARA. Doppia seduta di allenamento ieri per il Pescara.
Mattinata trascorsa in palestra allo stadio Adriatico e pomeriggio al campo Vestina di Montesilvano. E' rientrato col gruppo Zappacosta, reduce dalla convocazione nella nazionale under 20 di serie C. Tornerà con i compagni in giornata invece il difensore Christian Conti. Sempre ferma per infortunio la punta Paponetti.
Per oggi è prevista una seduta di allenamento singola.
In vista della partita di domenica con il Martina il tecnico biancazzurro Franco Lerda, preso atto delle indisponibilità causa squalifica di Felci e Caracciolo, sembra intenzionato a meno di sorprese a gettare nella mischia dal primo minuto Leone e Di Matteo.
In difesa, al posto dell'infortunato Romito, è ballottaggio tra Pomante e Fortunato con il secondo leggermente favorito.
Capitolo a parte riguarda invece Alfageme, tornato ad allenarsi con il gruppo solo martedì dopo quasi due settimane di assenza.
Il giovane talento argentino non è al top della condizione ed al momento le probabilità di vederlo dal primo minuto in campo al Tursi sono del 50%.
Infine un avviso importante per i tifosi. A partire da domenica tutte le gare della serie C, Martina-Pescara compresa, avranno inizio alle ore 14.30 anziché alle ore 15.00.

LERDA SU PERUGIA E MARTINA

Nel frattempo abbiamo avvicinato Franco Lerda, che mette in guardia i suoi in vista della prossima trasferta sull'insidioso campo del Martina.
«Domenica sarà una battaglia», dice, «dovremo essere pronti ad un altro tipo di partita e di avversario. Anche le dimensioni del campo sono diverse da quelle della maggior parte degli stadi italiani. Loro stanno vivendo una situazione ambientale particolare ma guai a sottovalutarli. Proprio questa settimana inoltre hanno appena cambiato allenatore. Lo ripeto a Martina ci aspetta una dura battaglia. Se non andremo lì motivati sarà impossibile riportare a casa qualche punto».
Per il tecnico biancazzurro la squadra ha già smaltito la rocambolesca sconfitta di domenica scorsa con il Perugia: «ormai la partita con il Perugia è andata, pensiamo piuttosto alla prossima. Ho visto la voglia dei ragazzi di ripartire subito, in quanto questo è un gruppo di ragazzi seri e molto uniti. Durante la partita stessa con il Perugia ho visto una grande reazione che ci ha portato al pareggio prima e a sfiorare la vittoria poi».
Lerda fa un passo indietro e torna alla gara con i grifoni.
«Ho visto insieme ai ragazzi le immagini e abbiamo analizzato tutte le fasi di gioco del match. Abbiamo disputato un'ottima gara contro un avversario molto competitivo. Abbiamo fatto bene fino al loro primo gol tenendo un buon possesso palla, anche se siamo stati poco incisivi in attacco. Non abbiamo concesso loro nulla poi dopo il gol, persa un po' di sicurezza, abbiamo perso le misure e la squadra non mi è piaciuta. Dopo il pareggio ho assistito a venti minuti importanti dove potevamo anche vincere».
Con il Perugia Cani non ha ripetuto la limpida prova offerta una settimana prima con l'Arezzo, ma gode della piena fiducia dell'allenatore: «Cani non era nella giornata migliore ed ho deciso ad inizio ripresa di mettere in campo De Lucia, che in settimana avevo visto molto bene. In partita poi avevo bisogno di uno un po' più fresco ed esperto e De Lucia ha fatto benissimo la sua parte».
Sulla gara del Pescara, pesantemente negativo è stato l'impatto del direttore di gara.
«Il calcio è fatto di episodi, a noi sono andati contrari con il Perugia. Il gol regolare annullato, il rigore dubbio dato agli avversari e la suddivisione dei cartellini gialli che non mi è piaciuta. Tutto però è acqua passata e pensiamo al prossimo match».
Sull'eventuale impiego di Alfageme e Romito per il match con il Martina Lerda è chiaro: «vediamo un po' in settimana come procede il recupero di entrambi. Sono dieci giorni che Alfageme si è allenato poco e quindi valuteremo di giorno in giorno le sue condizioni. Per quanto riguarda Romito ha un problema muscolare e anche con lui valuteremo con il trascorrere dei giorni».
Delle squalifiche di Caracciolo e Felci, l'allenatore non sembra troppo preoccupato: «sono uomini importanti questo è vero ma ho a disposizione una rosa completa in tutti i reparti. Chi scenderà in campo darà il suo contributo. Le motivazioni saranno importantissime».

Andrea Sacchini 25/10/2007