Pescara calcio: priorità agli stipendi e all’umore

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2347



PESCARA. Il Pescara viene dal brillante successo con l'Arezzo ottenuto nell'ultimo turno di campionato ed è atteso dall'impegnativo confronto casalingo di domenica all'Adriatico contro il Perugia.
Contro gli umbri è ancora fortemente in dubbio la presenza Alfageme.
Il talento ex Brescia e Cremonese, in Argentina per stare vicino al fratello vittima di un incidente stradale, potrebbe rientrare in Italia tra oggi e domani.
In ogni caso è difficile che Lerda decida di convocarlo dopo quasi due settimane di allenamenti saltati. Il numero dieci biancazzurro, comunque, sarà con ogni probabilità a disposizione a partire dalla prossima trasferta di Martina Franca.
L'atmosfera positiva legata ai risultati della squadra ed al cambio al vertice del sodalizio di via Mazzarino, viene però parzialmente rovinata dalla penalizzazione di un punto inflitta dalla commissione disciplinare mercoledì.
Il Pescara in graduatoria scende dagli attuali undici a dieci punti. Il punto scaturisce dal mancato pagamento dell'irpef, pesante eredità, non stancheremo mai di ripeterlo, della disastrosa presidenza Pincione.
La nuova proprietà sta facendo di tutto per evitare ulteriori penalità da scontare in classifica nel campionato in corso.
Nella peggiore delle ipotesi, il Pescara rischia la sottrazione di altri quattro punti. La situazione, ad ogni modo, è in via di risoluzione.
Il gruppo Soglia, infatti, ha l'attenuante di essere entrato in società solo da due settimane. In questo breve lasso di tempo, segno positivo, la nuova proprietà ha saldato le pendenze relative agli stipendi di maggio e giugno scorsi. Come se non bastasse, i Soglia a giorni provvederanno a pagare anche le mensilità di luglio, agosto e settembre ai tesserati del club. Questo, con tutta probabilità, potrebbe incidere positivamente nella decisione della commissione disciplinare di infliggere ulteriori punti. Per quanto concerne invece il caso Ballardini, c'è un precedente che fa ben sperare l'entourage biancazzurro. L'anno passato infatti ci fu un caso analogo tra Colomba e l'Avellino, conclusosi senza penalità agli irpini. A questo punto, non resta che aspettare con moderato ottimismo la decisione ultima della commissione disciplinare.

ABBONAMENTI E ADDETTO STAMPA

Si è conclusa ieri la campagna abbonamenti per la stagione 2007/2008. Il dato, obiettivamente deludente, si attesta intorno alle 650 tessere vendute. Ciò comunque non sta a significare che in città nessuno ha più a cuore le sorti del delfino.
Anche nella magica annata 2002/2003 infatti, culminata con la promozione in B dei ragazzi allora allenati da Ivo Iaconi, gli abbonamenti venduti erano stati poco più di 1.200. Nelle partite importanti, però, lo stadio Adriatico registrò sempre il pienone, segno che i risultati sono la componente principali per riportare il pubblico allo stadio.
Nel frattempo sempre nella giornata di ieri la Pescara calcio ha ufficializzato il nuovo addetto stampa. E' Sabina Di Luigi, già collaboratrice della società da diverso tempo.

Andrea Sacchini 19/10/2007