Colpaccio Siviglia Wear

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1209

TERAMO. Come nell'edizione precedente, anche nel 2007 è il Siviglia Wear Teramo ad aggiudicarsi il «Banca Tercas Cup», grazie alla vittoria, sudata e quantomai meritata, ottenuta contro i temibilissimi lituani dello Zalgiris Kaunas, con il punteggio finale di 79-70, al termine di un match molto equilibrato, come lo sono state, d'altronde, tutte e sei le gare disputate.
Per i biancorossi di coach Bianchi, un successo corroborante per il morale, in vista degli ultimi test pre-campionato, considerando soprattutto le pesanti defezioni accusate (Poeta, Powell e Migliori out), superate grazie all'ottima predisposizione al sacrificio mostrata da Tucker e compagni, nonostante l'inevitabile fatica accusata a causa delle cinque partite giocate negli ultimi sei giorni.
La vittoria della volontà quella dei biancorossi di casa, ottenuta contro avversari di rango, tutti partecipanti alle prossime Coppe Europee e con una grande tradizione alle spalle.
Nel Siviglia Wear da segnalare i 40 minuti giocati da Tucker (in assoluto il più utilizzato, in fatto di minutaggio, dal tecnico Bianchi durante i tre giorni), con ben 27 punti, 6 rimbalzi, 4 assist ed il 50% da tre, seguito dai 17 di un sempre più positivo Tskitishvili, in appena 26 minuti, con 22 di valutazione. Lo Zalgiris (miglior realizzatore Motiejunas con 13 punti) ha pagato la scarsa percentuale dall'arco (appena l'11% e tutti nel primo quarto) ed i ben 15 rimbalzi in più concessi ai teramani (34 contro 49).
Alla fine è festa grande davanti al pubblico di casa, con l'applauditissimo capitan Lulli ad alzare il trofeo e i presenti a tributare agli atleti biancorossi il giusto riconoscimento per lo spettacolo messo in mostra.
Ma per la conquista del trofeo, occorreva anche un risultato favorevole proveniente dall'altro match e così è stato: l'Aris Salonicco (seconda classificata al termine), infatti, dopo un'ottima rimonta, ha finito per prevalere sul filo di lana sul Besiktas Istanbul (84-81 al 40'), grazie ad un Massey in splendida forma (21 punti in 31 minuti); tra le fila turche, invece, 22 punti a referto per Shumpert, praticamente infallibile dalla lunga distanza (5/6 da tre) e 20 per Christian Dalmau, con l'ex Prokom probabilmente miglior play dell'intero torneo, vista la costanza di rendimento e l'intelligenza tattica messa in mostra.
Il secondo torneo internazionale di Basket organizzato dal club teramano va, pertanto, in archivio, con un bilancio decisamente positivo ed un Siviglia Wear ancora più consapevole delle proprie forze, in attesa di riavere a tutti gli effetti nel gruppo i tre indisponibili.
Ora Lulli e soci si prepareranno per l'ultimo torneo (in Grecia), prima dell'inizio del campionato, previsto per il 30 settembre, al PalaDozza di Bologna, contro la Fortitudo.
18/09/2007 9.07