Serie C. Note negative da Pescara, Teramo e Giulianova. Solo il Lanciano sorride

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1158

PESCARA. La squadra tornerà a lavoro oggi dopo il tre a zero subito in casa domenica ad opera della Lucchese.
Malgrado il pesante passivo patito, note positive sono giunte dai primavera Di Matteo e dall'attaccante De Lucia, perfettamente all'altezza di questo difficile torneo.
Contro i toscani sono scesi in campo soltanto due dei nuovi acquisti realizzati negli ultimi giorni del calciomercato estivo, ossia Fortunato e Packer.
Il tecnico Lerda, elogiando a fine partita l'impegno di tutti i ragazzi scesi in campo al cospetto di un avversario decisamente più esperto ed abile a sfruttare gli errori dell'avversario, aspetta con fiducia di poter disporre dei neo arrivati.
Su di loro, però, si dovrà verificare soprattutto la tenuta atletica e le condizioni fisiche.
Molti infatti arrivano dal regime di svincolo e, con tutta probabilità, difficilmente potranno essere in condizione ottimale in tempi brevi.
Domani nel frattempo il Pescara tornerà in campo allo stadio Adriatico contro il Teramo.
La gara, con inizio alle ore 17.30, è valevole per il primo turno a gironi della Coppa Italia di serie C e sarà un importante banco di prova per tutti i calciatori ingaggiati dal DS Nucifora che ancora non hanno fatto il proprio esordio con la casacca biancazzurra. Troveranno probabilmente posto nell'undici titolare alcuni o tutti i neo acquisti tra i quali il portiere Indiveri, il difensore Romito, l'esterno Micco, il centrocampista Caracciolo e la punta Sansovini.
Nel frattempo prosegue l'infinita storia societaria per quanto riguarda i vertici del sodalizio di via Mazzarino.
Se entro il venti settembre Pincione e Di Giacomo non avranno effettuato un aumento di capitale pari a 1,7 milioni di euro, diverse cordate sarebbero pronte a rilevare l'intero pacchetto azionario della Pescara calcio subentrando all'attuale proprietà. Sia Pincione sia Di Giacomo però, stando alle ultime notizie, dovrebbero far fede a questo impegno ma, come questa vicenda ci ha insegnato negli ultimi mesi, non bisogna dare proprio nulla per scontato. Si attendono dunque importanti novità nei prossimi giorni.


LANCIANO.
C'è grande entusiasmo a Lanciano dopo la seconda vittoria in due gare che proietta l'undici rossonero in testa alla classifica di C1 in coabitazione col Potenza.
La gioia dei frentani è ancora più giustificata dall'aver battuto con pieno merito il Perugia, una delle compagini del girone B meglio attrezzate per il salto di categoria. Contro gli umbri hanno brillato il neo acquisto Silvestri, tante le azioni partite dal suo piede, Bolic, una sicurezza nel pacchetto difensivo lancianese e Giorgetti, particolarmente abile nei tiri dalla lunga distanza.
Felicissimo è il patron Di Stanislao che comunque mantiene i piedi per terra malgrado l'onda lunga di entusiasmo che ha contagiato i sostenitori rossoneri: contro il Perugia abbiamo fatto davvero una prestazione maiuscola ma il campionato è appena iniziato ed è ancora presto per parlare di obbiettivi che non siano la permanenza in C1.
Complimenti al tecnico ed ai ragazzi che stanno lavorando bene sin dal primo giorno di ritiro estivo. Malgrado Di Stanislao vesta i panni del pompiere, molti tifosi già sognano qualcosa in più della semplice salvezza. I prossimi turni, che vedranno il Lanciano di scena prima a San Benedetto del Tronto e poi in casa al cospetto del quotato Ancona, diranno qualcosa di più riguardo a dove possa arrivare questa squadra. Nel frattempo gli uomini di Moriero si godono con merito il primato in classifica. Non era mai accaduto nei sette anni consecutivi trascorsi serie C1.


TERAMO.
Il Teramo riprende gli allenamenti dopo la sconfitta patita domenica per uno a zero sul campo del Poggibonsi. Una gara sfortunata che non ha consentito agli abruzzesi di restare in cima la classifica a punteggio pieno dopo l'importante successo della domenica precedente in casa con la Spal. Buone le prestazioni di Capodaglio, ottimo in cabina di regia, di Borgogni e Margarita che più volte ha sfiorato il punto del pareggio. Domenica con il Bellaria, una delle favorite per la promozione in C1, saranno a disposizione tutti i nuovi acquisti che nell'ultimo turno di campionato non sono potuti scendere in campo. La squadra vista fino ad ora, ad ogni modo, ha tutti i numeri giusti per ben figurare nel girone. La stessa ha convinto positivamente numerosi addetti ai lavori. Lo stesso allenatore del Poggibonsi Caramelli, a fine match, si è complimentato per l'ottima prova offerta dai diavoli. Non resta a questo punto che aspettare fiduciosi che i nuovi si integrino al meglio con i giocatori già presenti in rosa.


GIULIANOVA. Ricominciano gli allenamenti per la truppa di Favo, protagonista di uno scialbo zero a zero nell'ultimo turno di campionato in casa con il Bellaria. Prestazione sottotono dei giallorossi che in rare occasioni hanno messo in apprensione la retroguardia ospite. Alla ripresa dei lavori si dovrà lavorare soprattutto sulla fase offensiva che ancora non convince a pieno. La punta Ranalli, sulla quale molti tifosi giuliesi si affidano per il salto di qualità, è apparsa in evidente ritardo di condizione mentre Puddu, schierato nel secondo tempo da unico terminale offensivo puro, è risultato troppo isolato là davanti. Gli unici a salvarsi nel grigiore generale sono stati Garaffoni e Bettini, ottimi in fase di interdizione. Il prossimo turno vedrà il Giulianova impegnato sull'ostico campo del Castelnuovo Garfagnana. Per l'occasione saranno a disposizione del tecnico giuliese tutti i neo acquisti dell'ultima sessione estiva di calciomercato. Su di loro, naturalmente, tutto l'ambiente si aspetta qualcosa di importante.
Infine una nota di colore. A fine match con il Bellaria numerosi sono stati i cori della Curva giallorossa a sostegno dell'ospedale della città. La stessa struttura, infatti, rischia il taglio di importanti strutture e risorse.

Andrea Sacchini 04/09/2007