Delfino Pescara. Di Francesco: «a Modena sapremo reagire»

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2117

PESCARA. Per il Pescara proseguono gli allenamenti al Poggio degli Ulivi di Città Sant'Angelo in vista del match di domenica a Modena.

Il tecnico Eusebio Di Francesco, che in settimana ha lavorato parecchio sotto l'aspetto mentale dopo il pesante ko casalingo di sabato col Padova, come da consuetudine nell'ultimo mese dovrà rinunciare a parecchi elementi di spicco della rosa. Gli ultimi a dare forfait in ordine di tempo sono stati Del Prete e Petterini. Scontato dunque l'impiego dal primo minuto di Capuano.

Fuori causa anche Pinna, squalificato per un turno dal giudice sportivo a causa di un'espressione blasfema al termine di Pescara-Padova. Un'assenza pesantissima che metterà fuorigioco l'elemento più in forma della squadra, capace con le sue parate di portare tanti punti alla causa biancazzurra.

L'emergenza principale, naturalmente, riguarda ancora il centrocampo privo di Cascione, Nicco e degli infortunati dell'ultim'ora Tognozzi e Verratti. Difficile il recupero di Ariatti. Rientra invece Gessa che potrebbe essere schierato nel mezzo a far coppia con Stoian. Pienamente recuperati dai rispettivi acciacchi anche Giacomelli, Maniero, Soddimo e Ganci. Oggi pomeriggio allo stadio Adriatico amichevole contro la Flacco Porto Pescara. L'occasione è ghiotta, causa indisponibili, per poter sperimentare qualche nuova soluzione soprattutto nella zona nevralgica del campo.

I biancazzurri non vincono da 4 partite ed il morale della squadra non è dei migliori. Ciononostante il tecnico Eusebio Di Francesco ci tiene a caricare la squadra in vista della difficile trasferta di Modena: «non siamo affatto in crisi. Sono già successe situazioni analoghe in passato e siamo sempre usciti alla grande. Sono convinto che anche in questo caso sapremo reagire. Dobbiamo essere uniti e le polemiche al momento certo non giovano alla squadra».

Inevitabile un passo indietro alla brutta prestazione col Padova: «potevamo e dovevamo fare molto di più col Padova sotto parecchi punti di vista. La prestazione è stata negativa dal punto di vista tattico e caratteriale ma non voglio condannare la squadra. Certe partite sono strane nascono in un modo e finiscono nello stesso modo. Non ci è riuscito niente ma abbiamo tutta la volontà di recuperare il terreno perduto».

All'orizzonte la partita di Modena, importantissima in ottica classifica: «abbiamo tutte le intenzioni di riscattare l'opaca prestazione di sabato col Padova. Non ho affatto paura del Modena, sono abituato a pensare ai miei ragazzi e alla mia squadra. Sarà una partita difficile e dobbiamo stare attentissimi sui calci piazzati, con il loro giocatore Pasquato che sa calciare molto bene nel mezzo».

La squalifica di Pinna spalanca le porte all'utilizzo di Bartoletti: «sono tranquillo anche l'anno scorso Bartoletti ha sempre fatto bene quando è stato chiamato in causa. È chiaro che quella di Pinna è un'assenza pesante perché un portiere del genere è difficile da sostituire».

«Cercheremo di recuperare qualche giocatore importante escluso Pinna ovviamente» – conclude l'allenatore pescarese – «anche se nelle ultime ore altri assenti si sono aggiunti al già lunghissimo elenco degli indisponibili. Siamo in emergenza numerica soprattutto a centrocampo, valuterò in settimana qualche possibile alternativa».

 Andrea Sacchini  24/03/2011 8.18