Ternana-Teramo 2-0. Il diavolo costretto ai play-out

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1391

TERNI. Il Teramo perde 2-0 al cospetto di una Ternana tutt'altro che trascendentale ed è costretto a disputare i play-out per rimanere in serie C1. Una componente importante della sconfitta è stato rappresentato dalla cattiva direzione della terna arbitrale. Il diavolo, infatti, ha concluso l'incontro addirittura in nove contro undici per merito delle espulsioni di Andreulli prima e Favasuli poi. La prima in particolare è apparsa ai più decisamente inspiegabile. Oltre ciò, parecchie dubbie punizioni fischiate in favore degli umbri. Il Teramo non meritava ai punti la sconfitta ma dopo il doppio svantaggio numerico non ha potuto far altro che arrendersi ad una Ternana che, fino al momento della seconda espulsione, non aveva certo entusiasmato.
L'arbitraggio, ad ogni modo, non deve assolutamente rappresentare un alibi. Gli abruzzesi non realizzano infatti una rete da ben cinque gare. I due gol umbri, inoltre, sono arrivati su colossali disattenzioni del pacchetto difensivo ospite. In particolare nell'uno a zero grave è stata l'incertezza di Catalano, che nel primo tempo ha atterrato in piena area di rigore Tozzi Borsoi causando il calcio di rigore che lo stesso attaccante ternano avrebbe realizzato. La seconda marcatura dei padroni di casa porta la firma di Pacilli. Dopo la buona campagna di rafforzamento estiva non ci si aspettava un finale di stagione così. A poche domeniche dal termine del torneo, inoltre, sembrava che i teramani fossero in chiara ripresa ma non è bastato ad evitare la terribile coda degli spareggi. Non tutto, però, è ancora perduto. Ci sono ora due partite da disputare e da vincere a tutti i costi per evitare la C2.
Ai play-out ora il Teramo attende l'Ancona, l'avversario peggiore che potesse capitare agli abruzzesi. I marchigiani infatti vengono da una positiva striscia di risultati ed attualmente rappresentano una delle compagini più in forma della categoria. L'andata si disputerà ad Ancona, ritorno al Comunale. Le regole dei play-out sono profondamente diverse dalle classiche sfide di Champions League e Coppa Uefa. In caso di parità nella doppia sfida con gli anconetani, infatti, i biancorossi sarebbero salvi in virtù del miglior piazzamento in classifica. Non sono previsti supplementari e calci di rigore se, al termine dei 180 minuti di gioco, si protrarrà il risultato di parità. I gol in trasferta, componente fondamentale, non valgono doppio.

Andrea Sacchini 14/05/2007