Lanciano-Stabia 0-0. E' festa al Biondi per la salvezza raggiunta

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1258



LANCIANO. Brinda alla meritata salvezza il Lanciano di Camplone e di Di Stanislao. I Play-out evitati di soli due punti consentiranno l'anno prossimo agli abruzzesi di disputare l'ottavo campionato consecutivo in serie C1. A stagione conclusa naturalmente è tempo di bilanci.
Dopo l'abbandono della famiglia Angelucci non era facile proseguire sulla stessa falsa riga positiva delle precedenti annate.
Il Lanciano fortunatamente ci è riuscito anche se con molte difficoltà, soprattutto nell'ultimo mese. Senza dubbio, dei sette consecutivi trascorsi in C1, quello appena concluso è stato il torneo più sofferto per i frentani, a causa dei troppi alti e bassi lungo tutto il torneo. L'obbiettivo iniziale, comunque, era conservare la categoria e la salvezza dopo tante difficoltà è stata in ogni caso conquistata.
Dopo la meritata festa, occorrerà mettersi subito al lavoro per la C1 che verrà. Pescara, Crotone più eventuali club del sud-est che scenderanno dalla serie B unite a compagini del calibro di Perugia, Salernitana, Sambenedettese già presenti nel girone B e tre tra Avellino, Cavese, Foggia e Taranto impegnate nei play-off promozione, formeranno probabilmente la serie C più impegnativa ed equilibrata di sempre. La maggior parte dei suddetti squadroni, se non tutti, saranno inseriti nel girone B e sarà dura per il Lanciano e per gli altri sodalizi che lotteranno per la salvezza.
Passando alla gara, al Biondi per la matematica salvezza occorreva il pareggio e come da pronostico pari è stato. C'è stata gara vera soltanto nel primo tempo. Primi venti minuti di chiara marca ospite con il Lanciano troppo contratto ed una Juve Stabia particolarmente insidiosa. I frentani però, sospinti dal pubblico di casa, si scuotono nella seconda parte del primo tempo andando vicinissimi al punto del vantaggio con Improta e Lacamera in diverse occasioni.
Poi la seconda frazione di gioco, complice il gran caldo e soprattutto il risultato che accontentava tutti, è stata priva di qualsivoglia emozione con entrambe le squadre che non attendevano altro che il triplice fischio finale. 0-0 blindato fino al novantesimo e gran festa per il Lanciano, in campo e sugli spalti. A fine match, raggianti sono i commenti di Camplone e del patron Di Stanislao.
«Sono contentissimo, è stata dura ma grazie all'impegno e alla devozione dei miei ragazzi siamo arrivati a questo importante obbiettivo , sono queste le parole del tecnico lacianese».
Visibilmente provato da una stagione lunga e tortuosa, Di Stanislao esulta: «ce l'abbiamo fatta, oggi facciamo finalmente festa dopo tanti mesi difficili di campionato. Ora mettiamoci subito al lavoro per il prossimo torneo, con l'obbiettivo di fare meglio di quest'anno. Camplone resterà l'allenatore del Lanciano anche l'anno prossimo in quanto è un tecnico capace e gode della piena fiducia della società e dei tifosi. E' l'allenatore ideale per noi in quanto sa valorizzare molto i giovani e riesce a far giocare molto bene la squadra».

Andrea Sacchini 14/05/2007