Irl. Vittoria col "giallo" di Dan Wheldon a Kansas City

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1050

KANSAS CITY. Vittoria facile dell'inglese Dan Weldon nella corsa del Kansas, valevole per il campionato 2007 Irl.
Vittoria tanto facile che ha reso la manifestazione una festa noiosa.
Era cominciata con il solito “duello” dei big Kanaan, Weldon, Dixon, Castroneves e Franchitti ma dopo 49 passate, mentre il brasiliano stava rientrando nel pit Danica Patrick, frettolosamente tentava di uscire e per miracolo con si rendeva responsabile di un incredibile incidente.
Comunque Tony Kanaan che aveva noie alla sospensione frontale, per ripararla, si caricava di 8 giri di distacco, che non recuperera' piu'.
Intanto Marco, il prodigio di casa Andretti, accusava mancanza di “grip” alla sua vettura e innervositosi, abbandonava.
Era questa la seconda “defiance” della giovane promessa del team diretto dal padre Michael, dopo Motegi Giappone.
Ma Marco, con audacia e senza scomporsi dichiarava:«Non importa. Andiamo a Indianapolis e vedrete di che pasta son fatto».
Scomparsi Marthy Roth, quindi Buddy Rice e Kosuke Matsuura, Ed Carpenter, figliastro di Tony George, patron del team Vision, finiva contro il muro, sfasciando la vettura e cavandosela per il rotto della cuffia.
Piu' tardi, al 195 dei 200 giri in programma, Scott Sharp saggiava il duro della protezione e faceva accendere la luce gialla che poneva fine alla petulante corsa, preludio della 500 miglia di Indianapolis...
Castroneves strappava il secondo posto, mentre il compagno Sam Hornish, arretrato di un giro, si accontentava del sesto, con grande disappunto di patron Roger Penske che intende lanciare l'ex campione Irl nel mondo delle stock car.
Ottima la rimonta dell'italo scozzese Dario Franchitti che ha meritato la secondo piazza, dinanzi a Scott Dixon, punito per erroneo rientro nel pit,mentre era secondo ed in fase di attacco del compagno di squadra Wheldon.
Attesissima, ma deludente, la performance delle tre graziose girls che Tony George ha messo assieme scatenando la critica della stampa e del pubblico che hanno definito la "manovra"
«la costruzione del giardino per ragazze,
l'asilo per le "pin up girl" del secolo» che dovrebbero dare una spinta alle sponsorizzazioni della languente serie ovale di patron George.
La veterana Shara Fisher riusciva a piazzarsi 12° ma per una provata driver sulla piazza da oltre 6 anni, il risultato appare alquanto scadente.
La costantemente “protestante” Danica Patrick' arrivata settima, dopo 3 anni nella serie, e per aver guidato due giri nella 500 miglia di Indy, per il solito gioco del rifornimento sfasato, non giustifica il chiasso che circonda la scontrosa e mai soddisfatta arizoniana,visibilmente giu' di morale.
C'e' stato il debutto della venezuelana Mika Duno, alla prima esperienza in ovale, preceduta da battibecchi politici per la sponsorizzazione della Citgo petrolio di Cesar Chavez, considerato tabu negli Usa.
Duna e' partita ultima e ad un certo punto, per l'assenza dei "ritirati," si e' ritrovata 14°.
Le sue interminabili dichiarazioni post-gara pero', ricordano gli show di "Chara",ex moglie del maestro Xavier Cugart , spesso snervanti ed inconsistenti .
Ovviamente, il risultato sarebbe apparso diverso se sette concorrenti non avessero abbandonato la battaglia, e Tony Kanaan
non fosse incappato in quel contrattempo meccanico.
Ma le corse son fatte cosi' e ogni discussione di solito si perde nel vento...
Ora si parla di Indianapolis che ha aperto le porte ai concorrenti della 91ma edizione di Indy.
Il favorito e' senza dubbio Dan Wheldon, un pilota veloce, capo classifica, intelligente gregario del team piu' azzeccato della Irl, di Chip Ganassi che fa invidia a Roger Penske a Bobby Rahal e a Michael Andretti i quali quest'anno insieme a Tony George formeranno il piu' massiccio schieramento, di 4-5 piloti per team,che si ricordi..
Che si debba definire la "500 miglia di Penske, George, Andretti, Rahal."? Certo che con quella "merce", resta poco per i "meno abbienti"..
Lino Manocchia - SSNphoto.com
02/05/2007 8.25