Verso l'America's Cup: Luna Rossa macchine avanti tutta

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

875

Vittoria relativamente facile, quella di Luna Rossa su United Internet Team Germany di ieri.
In partenza, i tedeschi conquistano la destra del campo che si rivelerà favorita mentre Luna Rossa taglia in boa. Jesper Bank si avvantaggia su un salto di vento e al primo incontro si trova in leggero vantaggio. Ma non dura a lungo: più veloce e perfettamente condotta, Luna Rossa supera presto GER I e gira la boa 46 secondi avanti. Da quel momento comanderà la regata sino al traguardo.
Nel match con Victory Challenge, China Team si deve accontentare di una bella bolina nella quale dà filo da torcere agli svedesi. Ma SWE 96 è di gran lunga più veloce e infatti, riuscirà ad effettuare il sorpasso appena prima della boa al vento. Da quel momento, a Magnus Holmberg basterà controllare l'avversario per vincere la regata.
‘Match of the day' era certamente quello tra BMW ORACLE Racing e Shosholoza. Partita più lenta, ma sulla destra, la barca sudafricana si avvantaggia presto su un salto di vento. Al primo incrocio, Paolo Cian è in testa e da quel momento, consigliato dal tattico Tommaso Chieffi, porta la barca sempre sul lato giusto, navigando insieme alla brezza. Alla prima boa, la barca di Cape Town è davanti agli americani per 27 secondi. Chris Dickson si lancia all'inseguimento.
La pressione gioca un brutto scherzo a Shosholoza che nell'ultima strambata prima del cancello, mette lo spi in acqua perdendo secondi preziosi prima di abbandonare la vela in mare. Proseguendo sulla destra del campo, Cian cerca di mantenere il vantaggio e la destra, difendendosi dagli attacchi di Dickson ma lo skipper americano riesce a incrociare avanti. Alla seconda boa al vento, la situazione si capovolge e Dickson gira con 38 secondi di vantaggio. Tanto basta al team americano per aggiudicarsi la regata.
La Louis Vuitton di Valencia si conferma la coppa delle sorprese, dopo i numerosi giorni di rinvii per assenza di vento (5) e i verdetti non proprio conformi ai pronostici della vigilia. Almeno per quanto riguarda alcuni dei team in lizza.
Un episodio casuale ha favorito il successo di Areva, che comunque ha disputato un'ottima regata: gli spagnoli hanno spezzato il tangone, rimediando un distacco rivelatosi poi incolmabile. Desafio ha dimostrato di essere in possesso di una barca più veloce rispetto a quella transalpina, ma non è
riuscito a sconfiggere il destino che, in maniera assai beffarda, lo ha penalizzato in maniera irreparabile.

Questa la classifica generale dopo il terzo turno di regate valide per la Louis Vuitton Cup di vela:
Bmw Oracle Racing (Usa), Luna Rossa Challenge (Ita), punti 9;
Emirates Team New Zealand (Nzl), Mascalzone Latino-Capitalia Team (Ita), Victory Challenge (Sve), 6;
Areva Challenge (Fra), Desafio Espanol 2007 (Spa), 5;
Team Shosholoza (Rsa), 4;
+39 Challenge (Ita), 2;
China Team (Cin), United Internet Team Germany (Ger), 1.

23/04/2007 7.10