La Humangest gioca bene ma perde ancora

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

961



Andare a Bogliasco, affrontare il Quinto alla pari offrendo una buonissima prestazione, sfiorare la vittoria e invece tornare a casa con un pugno di mosche in mano.
Questa la sintesi del 10-9 con cui la Humangest Water Polis Pescara ha dovuto ingoiare l'ennesimo boccone amaro di una stagione che definire maledetta è poca cosa.
La considerazione che anche gli avversari abbiano fatto i complimenti ai biancazzurri non cambia purtroppo una classifica deficitaria, che continua a vedere il Pescara al penultimo posto della classifica e una giornata del girone di ritorno passata in archivio.
Anche l'esordio con la calottina abruzzese dell'esperto Francesco Riccadonna ha destato buona impressione, pur essendo l'ex nazionale azzurro ancora lontano da una condizione di forma accettabile. Riccadonna ha segnato un gol, ma soprattutto è stato prezioso in marcatura e a livello di spogliatoio dove la sua storia si è fatta sentire.
Ecco le sue parole: «Ho avuto pochissimi giorni a disposizione per conoscere i nuovi compagni. Secondo me non siamo una cattiva squadra, anche se ci manca evidentemente un pizzico di malizia e forse c'è da rivedere qualcosa nella fase difensiva, dove si potevano evitare errori gravi. Di tempo ce n'è ancora, non molto ma c'è, bisogna essere fiduciosi».
Nel complesso, da elogiare la prestazione di un po' tutti gli uomini del portiere-allenatore Paolo Bocchia, che ha per la cronaca anche parato un rigore al temuto Vuksanovic. Peccato solo per quell'ultima superiorità numerica non sfruttata a pochi secondi dalla fine: in caso di gol, sarebbe stato pareggio, un risultato rispondente a quanto visto in vasca.
Speriamo che ora la Humangest Water Polis cominci a vincere, perché solo in questo modo potrà tenere accesa la fiammella della speranza. Sabato prossimo alle Naiadi è in programma uno scontro da ultima spiaggia o quasi, contro un'altra deluse del campionato, quella Fiorentina allenata da Enzo D'Angelo che puntava ai play off e si ritrova adesso al terz'ultimo posto della graduatoria.
La Fiorentina è stata battuta a domicilio dal Bologna.
27/03/2007 9.47