Pescara, continuano i lavori di adeguamento dello stadio adriatico

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1599

PESCARA: Vanno avanti a ritmo serrato i lavori per mettere a norma lo stadio Adriatico in vista della gara Pescara-Juventus del 31 marzo. L'installazione dei tornelli è iniziata da un paio di giorni e ci sono ottime possibilità che la tornellizzazione completa dell'impianto avvenga entro fine mese. Sono partiti anche i lavori per costituire la zona di prefiltraggio all'esterno del recinto dello stadio. A tal proposito sono giunte barriere mobili che costituiranno un secondo anello oltre naturalmente alla prima recinzione in cui, lo ricordiamo, saranno installati i 21 tornelli previsti.
La capienza effettiva dell'impianto pescarese, se verrà messo a norma in tempo utile, tornerà ad essere di circa 20.000 posti a sedere.
Sono definitivamente sistemati, almeno a detta della Pescara calcio, l'impianto elettrico ed il sistema di telecamere a circuito chiuso.
Dopo oltre un mese di quasi completo stallo, i tifosi si augurano che questa sia proprio la volta buona per allineare l'Adriatico ai rigidi parametri del decreto Pisanu. Lo stadio pescarese, infatti, è uno dei pochi agibile solo per gli abbonati.

Nessuna novità invece per quanto riguarda le vicende societarie.

La ricapitalizzazione del club è prevista per il 24 marzo, data in cui il cda del delfino si radunerà. Non è ancora noto però di quanti milioni di euro sarà l'aumento del capitale sociale. Non è da escludere a priori l'eventualità di una ricapitalizzazione “leggera” di un solo milione di euro. Al momento, comunque, sono solo ipotesi. Pincione ad ogni modo, smentendo in pieno Tavarner, ha assicurato che non ci saranno problemi di sorta.

Nel frattempo, continua con buoni risultati la vendita dei miniabbonamenti per le gare contro Juventus, Triestina e Arezzo. I tagliandi residui dalla vendita dei bigliettoni per il match con i bianconeri, a meno di sorprese, verranno immessi nuovamente in vendita a partire da lunedì 26 marzo.

IL PRINCIPE AL WALEED POSSIEDE AD AVEZZANO UN GRANDE CENTRO DI TRASMISSIONE PER MONDO ARABO

Infine una nota di colore. Secondo la rivista americana Forbes, il principe saudita Alwaleed Bin Talal Alsaud sarebbe l'arabo più ricco del medio oriente con un capitale stimato di 20,3 miliardi di dollari. Il cinquantenne miliardario è il tredicesimo uomo più ricco del mondo ed ha costruito la sua fortuna grazie ad un azzeccato investimento in Citygroup all'inizio degli anni novanta ed al petrolio. In Italia possiede il 3% di Mediaset ma soprattutto un mega centro di trasmissione ad Avezzano (Aq), dal quale diffonde in tutto il mondo programmi in lingua araba via satellite. L'erede al trono degli Emirati Arabi, lo ricordiamo, è il padre di Khaled Alwaleed, il socio arabo che a giorni dovrebbe entrare nella Pescara calcio per affiancare l'attuale patron Max Pincione. Come ammesso da quest'ultimo, il principe Khaled potrebbe presto ricoprire la carica di presidente del sodalizio di via Mazzarino appena si calmeranno le tempeste in seno ai vertici societari.

NOTIZIARIO

Il Pescara, dopo aver usufruito del giorno di riposo concesso dai due tecnici Vivarini e De Rosa, è tornato ad allenarsi allo stadio Adriatico. Prima della seduta, la squadra si è radunata per visionare alcune immagini relative all'ultima gara di campionato persa per 1-0 a Vicenza. Unici assenti Aquilanti alle prese con il mal di schiena e Papini, ancora ai box per una distorsione alla caviglia sinistra.

UFFICIALE IL RINVIO DI TREVISO-PESCARA


Ieri è arrivata l'ufficialità riguardo lo slittamento della gara Treviso-Pescara, prevista inizialmente per lunedì 26, che si disputerà il 10 aprile con orario ancora da definire. Accettata dunque la richiesta di rinvio dei veneti che non avrebbero potuto disporre in occasione della gara con i biancazzurri di Music, Valdes e Avramov, impegnati con le rispettive nazionali. Spostate anche Juventus-Napoli e Brescia-Triestina.

Andrea Sacchini

21/03/2007 8.20