Teramo Basket, arriva il nuovo allenatore, Massimo Bianchi

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1151

E' stato presentato ieri pomeriggio nella sede sociale della Teramo Basket il neo head coach del Siviglia Wear Teramo, Massimo Bianchi.
Ha preso inizialmente la parola il Presidente del sodalizio aprutino, Carlo Antonetti.
«Sicuramente», ha detto, «è un'occasione nuova per la Teramo Basket, ma ci tengo ad iniziare dicendo che questa decisione non è sicuramente il frutto della sconfitta di Napoli: deriva da una valutazione attenta di un intero girone di andata, relativo soprattutto all'atteggiamento tattico e psicologico della squadra. Interrompere il rapporto con un allenatore è sempre una decisione difficile, ma avviene, in questo caso, in modo sereno e tranquillo. Ovviamente mi dispiace per Dalmonte, lo devo ringraziare per la sua professionalità, per le sue doti mostrate in quest'esperienza teramana, ma ritengo che la società debba valutare le prospettive future, gli obiettivi che non sono da ascrivere al mero raggiungimento di un posto, ma a concretezza, energia e forza, qualità che sono, invece, mancate».
«Soprattutto», ha proseguito Antonetti, «ritengo che il trend intrapreso non lasciava intravedere modifiche o cambiamenti, mentre noi vogliamo ottenere il massimo che questa squadra può produrre e, in tale ottica, si tratta di una scelta convinta, giusta e non di ripiego, perché riteniamo che Massimo Bianchi abbia le qualità tecniche e morali, oltre alla grinta giusta, per raggiungere i migliori risultati possibili. Si tratta, ovviamente, di un segnale forte che viene dato a tutto l'ambiente e al team, di come la società vuole essere determinata nel perseguimento dei propri obiettivi. Con l'occasione auguro un grande “in bocca al lupo!” al neo coach del Siviglia Wear Teramo, offrendogli un appoggio incondizionato, convinto che con lui possa iniziare un'avventura di lungo respiro.
Emanuele Di Paolantonio diviene first assistant coach, mentre vedremo come risolvere la questione relativa al second assistant, anche se ritengo che il nostro staff, in generale, sia già al completo e che sia in grado di lavorare bene».

La parola è, poi, passata al D.s. Marruganti che ha ringraziato Luca Dalmonte per il lavoro svolto in questi mesi.
«Per il resto», ha aggiunto, «ci tengo a confermare che la scelta di Massimo Bianchi è stata voluta da tutta la società, perché dopo questo anno e mezzo in cui abbiamo lavorato insieme, riteniamo possa davvero essere la persona giusta per la nostra realtà».

Milanese, 52 anni da poco compiuti, alla prima esperienza a tempo indeterminato da head coach in Lega A, dopo un anno e mezzo passato a Teramo da first assistant, si è presentato così il neo head coach biancorosso Massimo Bianchi alla stampa e ai tifosi: «Io non posso che essere molto carico e orgoglioso per l'incarico offertomi. Sono quello che ha lavorato a più stretto contatto con Luca e c'è una parte di me che è un po' delusa per quanto sta accadendo, però ho una grande opportunità che voglio mettere in pratica. Cercherò, quindi, di far giocare la squadra in una maniera diversa, giocando più situazioni in campo aperto, perché sono convinto che possa migliorare la situazione non tanto sul piano del gioco, quanto su quello della concretezza, provando ad ottenere il massimo obiettivo possibile, che oggi è difficilmente quantificabile, visto l'equilibrio che regna in questo campionato: tutti possono dare qualcosa in più».

06/02/2007 10.02