Pescara: il definitivo passaggio di proprietà rinviato alla settimana prossima

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1412

Pescara: il definitivo passaggio di proprietà rinviato alla settimana prossima
PESCARA. L'atteso vertice tra Paterna e Renzetti, si è concluso senza l'atteso annuncio dell'accordo tra i due. L'incontro, avvenuto nei pressi di Mosciano ma non nell'azienda di Paterna, è durato più di tre ore ma ha fruttato solamente l'ennesimo rinvio. Ad ogni modo, le parti sembrano ora più vicine rispetto a qualche giorno fa.
Domani, o al massimo all'inizio della prossima settimana, è in programma un nuovo summit tra i due “contendenti”.
Potrebbe essere la volta buona affinchè l'intera vicenda assuma contorni decisamente più chiari. Usiamo il condizionale in quanto, da ormai un paio di settimane, le sorprese si susseguono all'ordine del giorno.
Lo stesso Renzetti si confronterà con i suoi soci per specificare, di comune accordo con loro, la strategia della nuova società “Pescara 70”.
La stessa dovrebbe presentare, a meno di ulteriori colpi di scena, una offerta di 700 mila euro a Paterna. La cifra versata, unita ai 465mila euro già sborsati da Renzetti, sarà dunque di circa un milione e 100 mila euro.
Il tutto permetterà al neo presidente di ottenere il 51% delle quote societarie della Pescara calcio. Il restante 49% rimarrebbe, seppur per pochi mesi, nelle mani di Dante Paterna. Quest'ultimo però, secondo voci trapelate all'uscita dei due dall'incontro di ieri a Mosciano Sant'Angelo, non sarebbe molto favorevole alla nuova ripartizione delle quote del sodalizio di via Mazzarino. Altresì sarebbe disposto, successivamente al pagamento di 1,1 milioni di euro, a cedere solo il 20% delle azioni della Pescara calcio.
I timori di Paterna, sempre secondo non confermate voci di corridoio, sarebbero quelli di una eventuale “fuga” di Renzetti, prima che quest'ultimo abbia versato il totale di due milioni di euro. Naturalmente la veridicità di questa fantascientifica ipotesi è tutta da verificare ma, a priori, nulla è da escludere. Soprattutto se si sta parlando di una vicenda i cui dettagli, ai più, non sono ancora pienamente chiari. A volte sembra che gli stessi particolari sfuggano addirittura ai diretti interessati...
Ad ogni modo Renzetti a margine dell'incontro, visibilmente sereno in volto, si è detto tranquillo di chiudere in fretta la querelle con Paterna.
«Certamente raggiungeremo un accordo», ha detto, «e lo faremo in tempi brevi. Con Paterna è quasi tutto risolto, mancano solo pochi dettagli. Mi incontrerò con i miei soci e vedremo il da farsi. Nei prossimi giorni avremo un nuovo incontro e chiuderemo questa storia definitivamente. Parlando del calcio giocato, domani ci aspetta una dura battaglia. Sarò sicuramente allo stadio, sperando di assistere nuovamente ad un'altra vittoria del Pescara come successo due settimane fa contro il Genoa».

ALL'ADRIATICO PESCARA-LECCE, ULTIMA SPIAGGIA PER I BIANCAZZURRI?

Questa sera alle ore 20.45 il Pescara nell'anticipo della 21esima giornata del campionato di serie B, davanti al suo pubblico, affronterà il temibile Lecce. La squadra ottimamente allenata dal tecnico Giuseppe Papadopulo, subentrato a fine novembre all'esonerato Zeman, è uscita profondamente modificata dal calciomercato di Gennaio. Sono arrivati elementi importanti del calibro di Pavarini, Cottafava, Giuliatto e Vascak ma soprattutto il bomber Tiribocchi dal Chievo Verona. Elementi del genere fanno certamente la differenza in un campionato livellato come la serie B. Occorrerà dunque un grande Pescara per tentare almeno di fare bella figura al cospetto dei salentini, reduci dal buon pareggio casalingo contro il forte Napoli di Reja. La squadra biancazzurra comunque attraversa un buon momento in quanto, anche se in ritardo rispetto alle altre pretendenti per la salvezza, comincia ad avere una certa fisionomia. Purtroppo però, i punti stentano ad arrivare ed il quint'ultimo posto si allontana sempre di più. I nuovi arrivati, La Vista su tutti, hanno subito destato una buona impressione tra i tifosi, ma occorre di più per ottenere l'intera posta in palio. Sulla carta il Lecce è sicuramente superiore ma l'esito di nessun match è scontato. Caratteristiche peculiari dei pugliesi, sono tecnica di base elevata ma soprattutto ottime individualità dalla metà campo in su dove spicca il genio di Giacomazzi, giocatore sicuramente di categoria superiore. Il Lecce però, malgrado un attacco “atomico”, è estremamente vulnerabile in difesa. Il pacchetto arretrato se attaccato in velocità, può andare in seria difficoltà. Ecco che per questo motivo, decisivo sarà l'apporto di La Vista, Antonelli e Martini che hanno le caratteristiche giuste per mettere in difficoltà la lenta coppia di centrali, formata dal duo Diamoutene-Polenghi.

Ecco i biancazzurri convocati da Vivarini e De Rosa per la gara di questa sera:
Portieri: Polito e Tardioli;
Difensori: Mora, Delli Carri, Zoppetti, Demartis e Mora;
Centrocampisti: Luci, Papini, Gautieri, Carozza, Antonelli, La Vista, Rigoni e Felci;
Attaccanti: Russo, Paponetti e Martini.

Andrea Sacchini 26/01/2007 9.09