Miglior prestazione in GP2 di Andrea Caldarelli ad Imola

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2432

IMOLA. Si è conclusa l’avventura in GP2 Asia per Andrea Caldarelli con il round di Imola.

Il ventunenne pilota abruzzese, dopo il positivo esordio di Abu Dhabi, anche ad Imola, teatro della gara di casa, ha dimostrato il suo grande potenziale, completando il fine settimana con il dodicesimo posto, stesso crono conquistato in qualifica.

Nel primo turno di prove libere al venerdì Caldarelli ha ottenuto il sesto tempo in 1’29”600, una prestazione di grande rilievo svolta in assetto da qualifica, mentre nella seconda sessione ha svolto la simulazione di gara.

In qualifica Andrea ha conquistato il dodicesimo posto, sua miglior prestazione nella GP2 nonché primo pilota Ocean sulla griglia di partenza.

In gara-1 il pescarese è stato rallentato da un problema alla frizione che gli ha fatto spegnere la macchina. Riaccesasi miracolosamente quando ormai erano transitati tutti i suoi avversari, Andrea ha recuperato la coda del gruppo, e grazie anche ad un ottimo pit-stop eseguito dai suoi meccanici, ha coronato una bellissima rimonta che lo ha portato al diciottesimo posto.

La squalifica poi inflitta a Davide Valseccchi ha regalato a Caldarelli non solo la diciassettesima piazza, ma il “titolo” di miglior pilota italiano sotto la bandiera a scacchi. In gara-2 Andrea ha rimontato sino alla dodicesima posizione, archiviando così il suo apprendistato in GP2 alle soglie della Top-10, obiettivo importantissimo per un pilota esordiente.
«Sono molto contento per come si è conclusa per me la GP2 Asia», ha commentato Caldarelli. «Purtroppo abbiamo dovuto ridurre a due sole manche per via dei problemi occorsi in Bahrain, ma siamo riusciti a recuperare uno di questi eventi ad Imola, circuito storico per il Motorsport e per noi sportivi italiani. Ho continuato i progressi che avevo iniziato ad Abu Dhabi, e per questo mi ritengo estremamente soddisfatto per quanto raggiunto. Ho completato tutte e quattro le gare che ho disputato, e peraltro a pieni giri. Ringrazio il team Ocean Racing Technology per il modo in cui mi hanno assistito ed il mio sponsor Mario De Cecco per avermi supportato in questa avventura. Nei prossimi giorni farò chiarezza sul futuro, ma spero di poter presto tornare in un campionato di alto livello come la GP2 per dimostrare il mio potenziale».

22/03/2011 8.59