Il Pescara riparte dai giovani

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

972

PESCARA. Le nuove regole varate dalla FIGC per il prossimo campionato cadetto, tra le quali il "salary cap", impongono le società medio-piccole della serie cadetta ad investire molto nel settore giovanile. Il Pescara sotto questo punto di vista è tranquillo, sono molti infatti i giovani dal sicuro avvenire che hanno già esordito in prima squadra.

PESCARA. Le nuove regole varate dalla FIGC per il prossimo campionato cadetto, tra le quali il "salary cap", impongono le società medio-piccole della serie cadetta ad investire molto nel settore giovanile.
Il Pescara sotto questo punto di vista è tranquillo, sono molti infatti i giovani dal sicuro avvenire che hanno già esordito in prima squadra.

Colui che ha destato la maggiore impressione è senza dubbio Ivan Vellucci, classe '86, che in questa stagione ha collezionato sei gettoni di presenza. Impiegato da Sarri sull' out di destra, il giocatore nativo di Frosinone oltre ad essere tecnicamente molto dotato possiede una notevole capacità di saltare l'uomo nell'uno contro uno. Torneranno inoltre dai prestiti il difensore Vitale ed il mediano Caremi, autori di un ottimo campionato rispettivamente a Vasto e Lanciano. Andrea Carozza, fantasista dai buoni piedi, è capace di ricoprire vari ruoli di centrocampo. Vincenzo Aridità è molto reattivo nelle uscite e particolarmante abile fra i pali. Axel Vicentini ricopre il ruolo di terzino sinistro ed è riesce ad offendere e difendere con la stessa efficacia. Infine Modipo Diackitè, centrale di difesa, nonostante lo sfortunato esordio di Catania possiede innegabili qualità tecniche e fisiche.

Intanto sul fronte mercato non si registrano sostanziali novità. Emanuele Pesaresi, in scadenza di contratto, ha ricevuto un offerta dalla Triestina ma la sensazione è quella che il forte terzino, tra i migliori quest anno, rinnoverà a giorni l'accordo che lo lega al Pescara.
Dopo la partenza di Avramov e la probabile non conferma di Tardioli, il Pescara è alla ricerca di un estremo difensore affidabile. Belardi è in rotta con il Catanzaro e sarebbe felice di accasarsi in riva all'Adriatico. L'alternativa all'ex portiere di Napoli e Reggina è rappresentata da Marconato, portiere classe '78 nell' ultimo anno a Vasto.
Daniele Croce è il prezzo pregiato del mercato biancazzurro. Nelle ultime ore si sono fatte avanti Catania e Piacenza. I siciliani offrono soldi e Mezavilla, centrocampista offensivo ex Lanciano nell'ultima stagione a Perugia, mentre i romagnoli propongono uno fra Carlo Luisi e Marco Stella. Sempre sul fronte partenze Jadid, Lorenzi e Vigna sono sempre più lontani da Pescara. Il sodalizio di Via Mazzarino ritiene infatti troppo onerosi i riscatti dei singoli giocatori. Potrebbe invece essere acquistato definitivamente il trequartista Baù. Il riscatto del talento scuola Milan è di soli 200mila euro.
Per quanto riguarda il reparto offensivo si fanno i nomi di Dedic e Virdis. Il Parma proprietaria del cartellino del giovane centravanti croato, sarebbe favorevole ad un eventuale prestito dello stesso in una squadra di serie B. Stesso discorso per quanto riguarda Virdis il cui cartellino appartiene alla Sampdoria. Il giovane attaccante si è messo in luce nel Chieti realizzando 12 centri e sarebbe molto felice di disputare la seconda stagione consecutiva in Abruzzo. Cammarata intanto dovrebbe firmare a giorni il rinnovo mentre l'ormai ex Matteini è sempre più vicino al Napoli.


TRASFERIMENTI UFFICIALI DI IERI:

Il Rimini rileva in prestito dal Milan il giovane attaccante Mitri. Proveniente dalla primavera rossonera ha realizzato 14 gol nell' ultimo campionato di C2 disputato con la maglia della Lumezzane. La società romagnola in tarda serata ufficializza anche l' acquisto di Bischeri, trequartista di 24 anni prelevato dalla Massese.

Andrea Sacchini 08/06/2006 9.39.