MOTORI. Chrysler Sebring: il mito made in Usa

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

991

NEW YORK. La Grande Mela e' alle nostre spalle. Da qui ha inizio il nostro “test”, un viaggio verso il nord, a bordo della convertibile Sebring GTC 2006 della Chrysler.
Sebring: un nome leggendario, un mito “made” in Usa, una delle classiche e più vendute dell'automobilismo a stelle e striscie.
Ma al di là della suggestione del nome, sono altre le doti su cui questa vettura a cielo aperto della Casa di Detroit punta per sfondare: grinta ed aggressività.
In pratica Sebring e' la quintessenza dell'eleganza nel mondo delle decappottabili, ed il suo scopo ha un preciso obiettivo: quello di rilanciare le cabriolet proponendo una linea fresca e moderna e non un rimpiazzo dei vecchi modelli.
Poiché in America quello delle “convertible” e' un fenomeno che non conosce crisi ed il mercato offre diverse opportunità agli appassionati del genere.
Guidare una “decappottabile” non e' più un esibizionismo, come lo si voleva far credere nel passato. L'evoluzione del dinamismo che si rispecchia in questa magica realizzazione è andata di mano in mano creando sempre nuovi elementi che rendono la Sebring il fiore all'occhiello della Chrysler che nel 2004 vendette oltre 38 mila unità.
Il design è da sempre stata una caratteristica distintiva del marchio Chrysler, una tradizione che si conferma con la Sebring Cabrio GTC 2006. Insieme ad un aspetto elegante ed interni estremamente
confortevoli, la vettura offre una ricca dotazione di serie e nuove funzionalità ad un prezzo veramente competitivo (27.690$).
La Sebring 2006 propone un ampio portabagagli in grado di offrire agli occupanti lo spazio necessario per poter viaggiare comodamente.
La capote e' realizzata con materiali d'avanguardia ed assicura un eccellente isolamento termico ed acustico.
Il sistema elettrico per il ripiegamento della capote aziona l'abbassamento dei finestrini.
L'equipaggiamento prevede interni in pelle, climatizzatore telecomando per l'apertura delle portiere, alzacristalli elettrici, fari fendinebbia e blocco automatico delle portiere a vettura marciante.





La Sebring e' assemblata nella catena di montaggio di Sterling
Heights (Michigan).
La simpatica e sofisticata Sebring si presenta in ben cinque diverse
versioni: dalla GTC alla Convertiile Limited, ovviamente ripiene di tutti gli ultimi accorgimenti ed innovazioni tecniche che fanno della vettura il modello ideale, più richiesto delle rivali sul mercato.
E', in breve, il risultato di un perfetto incontro tra tecnologia ed ergonomia,con una guida rilassata e di massima concentrazione,
dove il gusto incontra sempre le più ampie possibilità di
personalizzazione.




ATTRAVERSO IL “NEW YORK STATE”
Imboccata la meravigliosa Highway numero 87-che parte da Washington, attraversa tre stati e percorre lo stato di New York-
Giunge sino a Montreal.
Il traffico e' “abbondante”, veloce, senza intoppi. La media delle 65 miglia regolamentari non viene osservata e il tachimetro sfiora, per lungo tempo 75 e 80 miglia.
La magnifica figlia della Chrysler sembra non preoccuparsi delle medie e tira forte, grazie al motore DOH di 2.7 litri, 24 valvole, capace di erogare 203 Cv a 5900 giri, con cambio automatico a quattro rapporti, e Autostick.
Si apprezza molto, dicevamo, l'elasticità' e la pastosità del motore, e la sua vigoria in basso.
Siamo comodamente seduti sul sedile ben profilato, dotato di numerose regolamentazioni elettriche.
Agile, compatta, sufficientemente potente, soddisfa anche i “piedoni” più esigenti.
La Sebring 2600 e' lunga 4921 mm larga 1792 e alta 1401, ed ha il
passo di 2692 mm.
Sfiorata Albany, la capitale dello stato di New York, superata Troy, città eminentemente italo americana, si supera Saratoga Spring, famosa con il suo ippodromo e la Spa, s'imbocca la Route 22 che ci condurrà a Cambridge, una ridente cittadina posata su un manto verde, dove risiedono artisti, scrittori,ed attori che cercano un cantuccio di pace lontani dalla Metropoli in perpendicolo.
E' giunto il momento di dare un voto, certamente positivo a questa vettura veramente brillante e sofisticata che si chiama Sebring GTC
2006, che rappresenta l'unico mezzo con cui si può correre con i capelli al vento, sentire il profumo del vento e provare la sensazione di viaggiare in modo diverso: spensierato.
Lino Manocchia 24/05/2006 9.41