Nella 12 ore di Sebring trionfa l’Audi

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1473

Nella 12 ore di Sebring trionfa l’Audi
SEBRING. La mitica Sebring, incastonata nel cuore della Florida ha salutato i vincitori della 54° dodici ore: Kristensen, Mc Nish e Capello a bordo della indistruttibile Audi (diesel), mentre oltre 170 mila spettatori hanno applaudito i protagonisti della magnifica gara, insieme ad un magistrale fuoco pirotecnico che rischiarava il buio della notte floridiana.
Al train indiavolato della
prima vetture tedesca, non hanno retto neppure la “compagna” , con Werner, Pirro e Biela, costretti al ritiro per surriscaldamento del motore, ne tantomeno le due Aston Martin finite quarta e sesta.
Per Kristensen questa e' la quarta vittoria consecutiva in suolo floridiano che arricchisce il gia' opulento palmares dello svedese il quale annovera anche sette trionfi a Le Mans.
Le potenti Corvette C6-R hanno portato sul podio, nella classe GT1, il francese Beretta, Gavin e Magnussen battendo la favorita Aston Martin, Beretta porta a 25 il numero di vittorie durante i suoi otto anni
di corse.
La seconda Corvette con Papis, Fellows e O'Connell dopo una gara decisa, per noie alla trasmissione, ha perso molto tempo al pit. La grintosa rimonta del veterano Papis ha ridotto il distacco, ma dopo un duello appassionante, e' stato preceduto dal tedesco Enge, su Aston
Martin DB9 che lo scorso anno guido' nella serie Champ Car.
Nelle GT2 David Brabham, Sebastian Bourdais e Scott Maxwell hanno effettuato una gara tenace, decisa negando agli avversari la
chance di successo. Ottimo il rendimento-guida del francese Bourdais, campione della Champ car, il quale ha concludo le ultime
3 ore di corsa con forti vibrazioni alla trasmissione. La vittoria ha reso ancor piu' felice Don Panoz il costruttore abruzzese-americano, delle rinomate Panoz Esperante nonche' patron della ben organizzata serie Petit Le Mans, in lotta contro la Grand American di Bill France.
I vincitori hanno dato 33 secondi di distacco sul secondo piazzato.
Nelle GT2 da segnalare l'ardita corsa del trio R. Kellenrs, JamieMelo
e Antonio Lazzaro, del team Risi competition di Houston, meritevoli della terza posizione. La nuova Ferrari 430 GT ha retto senza troppi “malesseri” e merita un bel voto in pagella. Melo, noto in Europa, attualmente “tester” ufficiale della Ferrari GT 430, e' stato avvicinato dal titolare di una quotata squadra della Champ car che segue da diverso tempo l'attivita' del giovane brasiliano. Comunque una eventuale “puntata” nelle monoposte Usa potrebbe aver luogo nel 2007 poiche' Melo attualmente e' impegnato in gare europee, e quando potra' anche nella serie Petit Le Mans.
Sebring e' stata la pista che ha “battezzato” il nuovo motore Audi Diesel aprendo cosi' un nuovo capitolo nella storia della Endurance.
Senza dubbio la Audi ha segnato nel libro delle corse un momento
storico che alla vigilia molti aveva deriso. E la Casa tedesca al termine della combattuta 12 ore ha trovato solidali,decisi e soddisfatti piloti, meccanici, ed i tecnici i quali proseguiranno sulla strada intrapresa.
La prossima gara Petit Le Mans avra' luogo il 12 maggio a Houston nel Texas.

Lino Manocchia 21/03/2006 8.18