Humangest. Si pensa allo sport, nonostante le difficoltà delle Naiadi

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1354

La soddisfazione per avere centrato la prima vittoria stagionale, battendo il President Bologna, è passata presto in archivio. Forse nel dimenticatoio, sovrastata da problemi che con lo sport purtroppo non c'entrano niente, e di cui la Humangest Pescara Sport è vittima impotente: lo sciopero dei dipendenti delle Naiadi, la storica piscina pescarese di cui la squadra di pallanuoto è ospite (peraltro pagante, profumatamente).
E' chiaro che in queste condizioni, senza potersi nemmeno allenare per preparare una gara di campionato, diventa complicato pensare al futuro, nonostante in fase organizzativa la società della Humangest abbia fatto davvero l'impossibile per essere sempre all'altezza della situazione. L'augurio è che i dipendenti della piscina risolvano presto i loro problemi con il gestore dell'impianto (Pietro Del Grosso di Abruzzo Sport), con o senza l'intervento dei politici; solo allora si potrà tornare a parlare concretamente di pallanuoto, uno sport che continua a dover sopportare (almeno a Pescara) gli errori di tutti, di tutti fuorché della pallanuoto stessa!
La squadra cerca di pensare all'impegno agonistico di domani, in programma a Verona (ore 19, arbitri D'Auria e De Cesare), ma dovrà farlo senza essersi potuta preparare adeguatamente e probabilmente senza Matteo Casini.
Il bomber della Humangest è rimasto vittima mercoledì di una brutta botta al pollice della mano destra e, solo in extremis, lo staff tecnico e medico decideranno se utilizzarlo o meno.
Detto questo, il Pescara che ha sconfitto piuttosto nettamente il Bologna, ha convinto sia per l'intensità di gioco sia per i meccanismi difensivi, che finalmente hanno cominciato a funzionare.
Contro lo Sport Management, che ha un punto in meno in classifica (3 contro i quattro della Humangest) si tratterà di riconfermarsi a certi livelli, in attesa di due partite difficilissime di fronte a Sori e Civitavecchia.
Sempre che si sblocchi la drammatica vicenda delle Naiadi: chi vuol capire capisca.

04/02/2006 9.09