Pallanuoto. La Humangest Pescara Sport "stecca" la prima

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1145

Esordio non positivo per la Humangest Pescara Sport. Davanti al pubblico amico, il campionato di A2/M è iniziato con una cocente e inattesa sconfitta contro un avversario che sulla carta avrebbe dovuto essere abbordabile, il Vallescrivia.
E pensare che i pescaresi avevano a lungo comandato la partita, per poi vanificare tutto negli ultimi minuti finali. E' terminata 12-10 a favore dei liguri, e ora bisognerà cercare di capire i motivi di questo calo evidente, se fisici o mentali; sabato prossimo trasferta a casa dell'Arenzano.
I commenti del post-gara.
Il capitano Francesco Mammarella: «Sì, in effetti stavamo portando a casa un risultato positivo, sembrava tutto normale e non stavamo nemmeno facendo fatica più di tanto. Poi è arrivato il black out e stiamo qui a commentare una sconfitta che nessuno si attendeva. Però siamo solo alla prima, molte squadre hanno sofferto al loro esordio, quindi pensiamo solo all'immediato futuro».
L'allenatore Maurizio Gobbi: «Non ci sono giustificazioni, nemmeno l'assenza per febbre del portiere Petaccia. Io credo che abbiano inciso di più la paura di vincere e l'esordio davanti ai propri sostenitori, ma è bene che si cambi subito mentalità perché una squadra come la nostra deve dimostrare soprattutto carattere».
Da salvare la prestazione dell'attaccante Matteo Casini, che con le sue cinque segnature ha dimostrato ancora una volta di essere micidiale al tiro.
Ed è arrivata anche una doppia convocazione (l'ennesima) nella nazionale Under 19 per due ragazzi tra i più promettenti nel panorama italiano che dal 22 al 25 gennaio saranno impegnati a Lignano Sabbiadoro: il portiere Nicola Petaccia e Luigi Gobbi.
16/01/2006 12.06