Serie B. Ennesima trasferta amara per il Pescara che perde 2-0 col Sassuolo

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1987

MODENA. Il Pescara perde 2-0 al Braglia di Modena contro il Sassuolo e spreca un'ottima occasione per rafforzare il proprio piazzamento play-off.

Una rete per tempo. Al 20esimo vantaggio del Sassuolo con Piccioni. Nella ripresa dopo pochi secondi il raddoppio è stato siglato da Bruno.

Verdetto del campo tutto sommato giusto che ha premiato la squadra più conccreta e capace di compiere meno errori sia in difesa sia in attacco.

Decisive sul risultato infatti 2 gravi disattenzioni difensive del Pescara, che hanno spianato la strada del successo di un Sassuolo apparsa compagine tutt'altro che trascendentale ma capace di capitalizzare al meglio gli errori dell'avversario. Il particolare la prima rete, di testa su calcio di punizione, ha confermato per l'ennesima volta i limiti di questa squadra nelle marcature sui calci da fermo.

Determinante anche l'arbitraggio di Baracani, che sul 2-0 ha annullato una rete regolare al pescarese Maniero che avrebbe potuto riaprire il match.

L'undici di Eusebio Di Francesco è apparso realmente in partita soltanto nei primi 10 minuti dell'incontro, con un paio di buone occasioni da gol create nelle quali è mancata maggiore determinazione e precisione sotto porta. Da questo punto di vista, come le difficoltà in fase difensiva sui calci piazzati, problemi che questo Pescara non sembra in grado di poter risolvere. Così come la difficoltà di fare risultato in trasferta.

All'Adriatico i biancazzurri hanno dimostrato di potersela giocare ad armi pari con tutte, ma qualcosa non funziona nelle partite lontano dalle mura amiche.

È chiaro che senza continuità di risultati in trasferta i play-off restano solo e soltanto una chimera. Da questo punto di vista Di Francesco dovrà lavorare alacremente in settimana perché i tanti complimenti per una buona prestazione, come avvenuto per ultimo col Sassuolo, troppo spesso vengono invalidati per topiche difensive o per scarsa precisione sotto porta.

Buon approccio al match dei biancazzurri che nei primi 10 minuti costruiscono un paio di nitide palle gol. Al sesto clamoroso Sansovini che, dopo un liscio di un difensore neroverde, a tu per tu con Pomini sparacchia addosso all'estremo difensore di casa. 4 minuti più tardi diagonale insidioso di Sansovini da buona posizione con la sfera che si perde sul fondo.

Al primo vero affondo al 20esimo il Sassuolo passa in vantaggio. La consueta disattenzione difensiva su palla inattiva consente a Piccioni da 2 passi di saltare e colpire indisturbato la sfera di testa verso la rete.

La difesa del Pescara sbanda ed al 36esimo è il solito Pinna a salire sugli scudi volando a deviare un colpo di testa ravvicinato di Bruno, libero da marcature, ancora su calcio piazzato. Prima del riposo tiro-cross insidioso di Bonanni con Pomini costretto a rifugiarsi in corner.

Nella ripresa pronti via ed il Sassuolo raddoppia. Lancio lungo dalle retrovie per l'esterno Quadrini che, approfittando della mancata chiusura di Del Prete, pesca nel mezzo Bruno che da 2 metri di destro insacca. Al decimo altra occasione per i padroni di casa con Catellani che solo davanti a Pinna sbaglia di poco la misura del pallonetto.

Al 17esimo prima espulsione dell'incontro nei confronti di Magnanelli per qualche parola di troppo nei confronti del direttore di gara.

Al 26esimo Giacomelli, da poco entrato al posto di Del Prete, dopo un batti a ribatti da posizione più che privilegiata conclude debole e centrale.

Al 37esimo l'episodio che avrebbe potuto cambiare la storia del match. Gol annullato a Maniero di testa per una veniale spinta nei confronti di un difensore del Sassuolo. Proteste eccessive del centravanti biancazzurri che prima rivolge qualche parola di troppo nei confronti del direttore di gara e poi in segno di disappunto scaglia il pallone verso l'arbitro. Inevitabile la seconda espulsione dell'incontro.

Non accade più nulla ed il Pescara incappa nella settima sconfitta in trasferta su 14 gare. Sabato all'Adriatico arriva la Reggina quinta in classifica. L'occasione è ghiotta per accorciare la classifica e guardare con rinnovato ottimismo ad un piazzamento play-off.

 TABELLINO

SASSUOLO: Pomini, Magnanelli, Piccioni, Bocchetti, Rossini, De Falco, Valeri, Quadrini (19'st Riccio), Consolini, Castellani (41'st Vignali), Bruno (29'st Fusani). A disposizione: Bressan, Donazzan, Polenghi, Barbuti. Allenatore: Gregucci.

PESCARA (4-4-1-1); Pinna; Petterini, Mengoni, Del Prete (23'st Maniero), Diamoutene; Tognozzi, Nicco, Bonanni, Soddimo (44'st Stoian); Verratti (16'st Giacomelli), Sansovini. A disposizione: Cattenari, Olivi, Capuano, Berardocco. Allenatore: Di Francesco.

ARBITRO: Baracani della sezione di Firenze.

 Andrea Sacchini  02/03/2011 9.07