Serie B. Il Pescara col cuore supera 1-0 il Varese ed avvicina i play-off

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2150

PESCARA. Il Pescara supera 1-0 all'Adriatico il Varese e si ricandida prepotentemente in zona play-off. Decisivo un calcio di rigore realizzato da Sansovini al terzo minuto del secondo tempo.

Risultato che ha premiato il cuore e l'organizzazione dei biancazzurri, che hanno opposto agonismo ed impegno al gioco più veloce e ficcante del Varese.

Match a fasi alterne. Nel primo tempo meglio il Varese, capace di creare diversi pericoli dalle parti di Pinna ed un Pescara troppo contratto ed incapace di rendersi insidioso se non con conclusioni dalla distanza. Nella ripresa biancazzurri più convinti e compatti, abili col rigore di Sansovini a capitalizzare l'unica vera distrazione della retroguardia lombarda. Ultima mezz'ora di sofferenza, come è logico che sia, con il Pescara molto bravo a chiudere ogni varco e ripartire in ficcanti e pericolose azioni di contropiede.

Positiva nel complesso la prova degli adriatici, che tornano al successo dopo 3 partite cancellando un mese disastroso come quello di gennaio dal punto di vista dei risultati.

Riguardo ai singoli sontuosa la prestazione di Diamoutene, valore aggiunto alla difesa pescarese. Bene anche Giacomelli e soprattutto Sansovini, che per lunghi tratti della contesa ha retto da solo con grande cuore e grinta le sorti dell'attacco. Da rivedere Soddimo e Bonanni.

Malgrado il successo però, che la dice lunga sulle qualità individuali di questo Pescara, restano ancora visibili alcune lacune. I biancazzurri, nonostante una grande solidità in difesa con i centrocampisti pronti a fornire adeguato schermo protettivo alla difesa, confermano di soffrire oltremodo i calci piazzati degli avversari. In diverse occasioni il Pescara è stato graziato dalla scarsa mira degli avanti varesini, sempre primi di testa sui calci d'angolo.

Da rivedere anche la fase offensiva, con un Pescara abile fino alla linea della trequarti ma poi poco incisivo sotto porta, con Sansovini troppo isolato in avanti.

Avvio di gara di chiara marca ospite. Al decimo Ebagua, l'ex della contesa, viene splendidamente servito in profondità da Neto e si lascia ipnotizzare a tu per tu dalla puntuale uscita di Pinna. Al 16esimo botta a colpo sicuro di Concas nel cuore dell'area di rigore e decisivo intervento in acrobazia di Mengoni a contrastare il tiro.

Al 20esimo la prima risposta del Pescara è affidata a Bonanni, che da ottima posizione fuori area sparacchia alto sulla traversa. Prima del riposo altra potenziale occasione per il Varese con Concas la cui botta dalla distanza viene contrata dalla retroguardia pescarese. A pochi secondi dal duplice fischio, colpo di testa insidioso centrale Pisano con Pinna attento nella respinta.

Nella ripresa pronti, via ed al terzo calcio di rigore per il Pescara per atterramento in area di Sansovini ad opera di Camicia. Dal dischetto lo stesso Sansovini spiazza l'estremo difensore del Varese Zappino.

Il Varese si rende pericoloso soprattutto su calcio piazzato con il Pescara vicino al raddoppio con Sansovini e Giacomelli in azioni di contropiede.

Al triplice fischio attimi di tensione tra l'ex Ebagua ed alcuni componenti della panchina biancazzurra.

Sabato si torna in campo a Torino, con il Pescara pronto a recuperare diversi elementi offensivi fondamentali nell'economia del gioco d'attacco.

TABELLINO

PESCARA (4-4-2): Pinna; Zanon, Diamoutene, Mengoni, Capuano; Tognozzi, Cascione, Bonanni (29'st Giacomelli), Nicco; Soddimo (17'st Petterini), Sansovini (42'st Maniero). A disposizione: Bartoletti, Sembroni, Stoian, Berardocco. Allenatore: Di Francesco.

VARESE: Zappino, Pesoli, Camisa, Carrozza, Frara (19'st Correa), Corti, Neto (39'st Pinto), Pisano, Pugliese, Ebagua, Concas (26'st Nadarevic). A disposizione: Moreau, Osuji, Armenise, Figliomeni. Allenatore: Sannino.

ARBITRO: Nasca della sezione di Bari.

Andrea Sacchini 12/02/2011 18.07