Delfino Pescara. Il neo acquisto Giacomelli si presenta: «pronto e motivato»

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1853

PESCARA. Il Pescara va avanti con la preparazione in vista della trasferta sul campo dell'Atalanta di sabato prossimo.

Ieri primo allenamento in gruppo per il neo-acquisto Giacomelli, prelevato dal Foligno, che ha fatto la propria conoscenza con tecnico e compagni: «sono contento di essere arrivato a Pescara. Mi sento già a casa mia e dopo il primo allenamento i nuovi compagni già mi hanno accolto con molto calore».

«Dei giocatori del Pescara attuale conosco Filippo Petterini» – prosegue Giacomelli – «con il quale ho giocato insieme proprio a Foligno. Mi ha parlato molto bene di questa società, della città e della tifoseria. La mia intenzione è quella di mettercela tutta per ripagare la fiducia dell'ambiente».

Molto tecnico e veloce, lo stesso neo-acquisto pescarese non nasconde le proprie qualità: «mi trovo molto bene in velocità ed in situazione di uno contro uno. Mi piace svariare per tutto il fronte d'attacco e non ho preferenze sui ruoli. Sarà poi il tecnico a scegliere se e dove potrò giocare».

Giacomelli è già pronto per dare il proprio contributo: «sono già pronto ed ansioso di poter scendere in campo con la mia nuova maglia. Tante squadre mi hanno richiesto in questa sessione di mercato, ma ho scelto Pescara che senza dubbio rappresenta una delle piazze più importanti di questa serie B».

«Voglio dare il mio contributo» – conclude il brevilineo attaccante biancazzurro – «senza dimenticare quanto mi ha dato Foligno come uomo e come calciatore».

Infine altra notizia di mercato. Salvatore Carboni da ieri non è più un giocatore del Pescara. L'oramai ex esterno biancazzurro, dopo aver visto sfumare il suo passaggio al Giulianova proprio all'ultimo, ha risolto il proprio contratto con il club.

 DI FRANCESCO SUL MOMENTO DELLA SQUADRA

 «Finalmente ci lasciamo alle spalle questa finestra di mercato» – racconta il tecnico del Pescara Eusebio Di Francesco – «che inevitabilmente ha un po' destabilizzato l'ambiente. Con le voci di mercato pochi giocatori riescono ad esprimersi al meglio con la testa completamente libera».

Doveroso un passo indietro sul pareggio con la Triestina di domenica scorsa: «il nostro obiettivo è quello di migliorare sempre, ma è chiaro che dobbiamo restare sempre umili con i piedi per terra come abbiamo sempre fatto. Dobbiamo quanto prima raggiungere la salvezza, poi potremo guardare più in alto in classifica».

«Con la Triestina» – conclude Di Francesco – «è chiaro che il pubblico si sarebbe aspettato qualcosa di più, ma è difficile giocare in casa contro squadre che arrivano con il chiaro intento di difendersi e colpire soltanto con azioni di rimessa».

 Andrea Sacchini  02/02/2011 8.25