Serie B. Pazzo Pescara all'Adriatico. Rimonta da 0-2 a 4-2 con il Portogruaro

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2786

.

PESCARA. Clamorosa rimonta del Pescara che supera 4-2 il Portogruaro e raggiunge zone tranquille di classifica

 Primo tempo da brividi per gli abruzzesi sotto 2-0 per effetto delle reti siglate da Cunico e Tarana rispettivamente alla mezz'ora ed al 38esimo. Nella ripresa vero e proprio show degli uomini di Eusebio Di Francesco con il Poker di Soddimo, Ariatti e Cascione, quest'ultimo doppietta, al quinto, 14esimo, 20esimo e 25esimo del secondo tempo.

Partita incredibile all'Adriatico. Dopo un primo tempo disastroso i biancazzurri, sotto di due reti e mai capaci di creare seri grattacapi alla difesa veneta, hanno ribaltato tutto nei primi 25 minuti della ripresa rimontando fino al 4-2.

Nel secondo tempo Pescara aggressivo e tatticamente perfetto che ha sfruttato a proprio vantaggio gli errori della retroguardia del Portogruaro e le sue grandi individualità. Su tutti di Verratti, Bonanni e Cascione. 3 elementi che nella ripresa, insieme a Gessa e Soddimo, hanno dato la scossa ad una squadra rientrata tra i fischi del pubblico alla fine dei primi 45 minuti di gioco.

Manovra rapida e ficcante, resa gradevole e fruttuosa dalle continue e precise verticalizzazioni centrali di Verratti e dall'imprescindibile contributo di Bonanni e Gessa sugli esterni.

Avvio di gara equilibrato con entrambe le squadre attente più alla fase difensiva.

Dopo una serie di velleitarie conclusioni dalla distanza da parte delle 2 formazioni, al 29esimo Portogruaro vicino al gol con una conclusione ravvicinata di Tarana che Pinna devia in corner.

Un minuto dopo ospiti in vantaggio su calcio di rigore trasformato da Cunico per fallo ingenuo di Ariatti. Il Pescara sbanda e 9 minuti dopo subisce il raddoppio. Tarana ben servito da un compagno supera senza problemi Pinna in uscita.

Prima del riposo Soddimo e Maniero senza fortuna provano a suonare la carica.

Nella ripresa però scende un altro Pescara in campo. Al quinto i biancazzurri dimezzano lo svantaggio con Soddimo, che di testa in anticipo su tutti su preciso traversone di Gessa fredda l'estremo difensore veneto.

Passano 10 giri di orologio e gli abruzzesi pareggiano dopo un paio di clamorose palle gol sprecate da Cascione di testa e Bonanni col sinistro. Questa volta Ariatti, servito bene da una sponda di Bonanni, insacca alle spalle dell'incolpevole Rossi.

È show da parte del Pescara con il Portogruaro in ginocchio. Al 20esimo il terzo gol con Cascione, preciso e freddo sotto porta, servito in profondità da Verratti.

Trascorrono altri 5 minuti ed un altro inserimento di Cascione è decisivo per il tabellino. Confusione in area ospite ma l'ex centrocampista della Reggina è il più lesto ad avventarsi su di un pallone vagante e realizzare il punto del definitivo 4-2.

Nel finale, eccezion fatta 2 conclusioni di Tarana sul fondo, è soltanto accademia per il Pescara che con questi 3 punti raggiunge una posizione tranquilla di classifica con una partita ancora da giocare. I biancazzurri torneranno infatti in campo martedì 30 novembre a Frosinone per terminare la partita sospesa per maltempo lo scorso fine settimana. Si giocherà soltanto il secondo tempo con il risultato fermo sullo 0-0.

Nella festa dell'Adriatico, ovviamente soddisfatto della prova e della reazione dei pescaresi, non vanno comunque dimenticati i primi 45 minuti da incubo. Pur sottolineando la grande forza caratteriale del Pescara nel ribaltare il risultato, bisognerà rivedere qualcosa soprattutto in difesa.

TABELLINO

PESCARA (4-4-2): Pinna; Zanon, Olivi, Mengoni, Ariatti; Cascione, Gessa, Bonanni, Verratti (26'st Tognozzi); Stoian (7'pt Maniero), Soddimo (19'st Nicco). A disposizione: Cattenari, Capuano, Del Prete, Alcibiade. Allenatore: Di Francesco.

PORTOGRUARO: Rossi, Lanzoni, Cristante, Madaschi (17'st D'Elia), Mattielig, Espinal, Gargiulo (27'st Bianchi), Cunico, Tarana, Amodio (23'st Gerardi), Schiavon. A disposizione: Marcato, Scozzarella, Bocalon, Giacobbo. Allenatore: Viviani.

ARBITRO: Cervellera della sezione di Taranto.

Andrea Sacchini  27/11/2010 18.30