Basket. Domenica per la Banca Tercas sfida casalinga da non fallire

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1786

.

TERAMO. La Banca Tercas Teramo torna tra le mura amiche per una gara fondamentale: al PalaScapriano, per la terza giornata di campionato, arriva la Dinamo Sassari.

Per i biancorossi è un’occasione da non fallire per cogliere il primo successo stagionale. La palla a due si alzerà alle 18,15 di domenica.

 DINAMO SASSARI

In casa Sassari la vittoria contro Caserta, prima nella massima serie, ha acceso l’entusiasmo. Il tecnico Romeo Sacchetti sta formando una squadra che ha in Travis Diener il leader riconosciuto, con la sua esperienza ad alto livello in Nba e il suo talento nella lettura del gioco. Al suo fianco in quintetto il tiratore Dimitrios Tsaldaris e l’atletico James White, l’ala con dimensione perimetrale Jiri Hubalek e l’uomo d’area Othello Hunter. Tutta italiana la panchina, con Mauro Pinton e Giacomo Devecchi, alla prima vera esperienza in Serie A dopo buone stagioni in Legadue, Brian Sacchetti, il figlio del coach, Manuel Vanuzzo, capitano grintoso ed ottimo tiratore, e Alessandro Cittadini, centro di ormai provata solidità. Una squadra con rotazioni lunghe e molte frecce nel proprio arco, che certamente venderà cara la pelle anche al PalaScapriano.

 

BANCA TERCAS TERAMO

Dopo una buona settimana di lavoro, con il solo Boscagin che ha saltato qualche seduta per alcuni sintomi influenzali, Andrea Capobianco e il suo gruppo sono desiderosi di unire i due punti agli applausi finora ricevuti: «Si riparte da ciò che abbiamo fatto di buono con Milano e Biella – è il pensiero dell’allenatore biancorosso – e sarà fondamentale tenere alta la concentrazione sulle strategie da attuare anche nei momenti di stanchezza fisica. Sassari viene da un successo entusiasmante contro Caserta, ottenuto grazie a ottime percentuali nate dalle giocate in contropiede e dai vantaggi presi su situazioni di pick and roll, uno contro uno e post basso. Travis Diener, giocatore straordinario per il nostro campionato, sa gestire la squadra sia creando che concretizzando. Le qualità di Tsaldaris e White nell’uno contro uno, e quelle di Hunter in post basso, creano spazio per tiratori pericolosi come Hubalek, Vanuzzo e tutti gli altri. Teramo dovrà giocare ogni pallone con grande attenzione ma allo stesso tempo con “scioltezza”, per cercare l’area e far nascere tiri aperti con la ricerca dell’uomo libero. Voglio ancora l’atteggiamento guerriero avuto fino ad oggi, che ci può spingere oltre i limiti. Dopo averci trascinato a giocarci la partita alla pari con Milano, il pubblico dovrà darci la solita spinta per superare i momenti difficili».

 PRECEDENTI ED EX

Unico ex dell’incontro è Alessandro Cittadini, che ha giocato in Abruzzo nel 2004/05. Curiosità da rimarcare è la sfida tra Drake e Travis Diener, cugini provenienti da una famiglia che rappresenta una vera e propria dinastia di giocatori ed allenatori di basket, e che fino ad ora si sono affrontati solo a livello collegiale.

 

ARBITRI

Per la gara Banca Tercas Teramo – Dinamo Sassari sono designati i seguenti arbitri:

- Roberto Begnis di Crema (CR)

- Paolo Quacci di Albuzzano (PV)

- Maurizio Biggi di Cavenago di Brianza (MI)

 

30/10/2010 10.57