Delfino Pescara. Cresce la rabbia per gli orrori arbitrali delle ultime settimane

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

4632

 

PESCARA. Doppio giorno di riposo per il Pescara che riprenderà i lavori domani pomeriggio al Poggio degli Ulivi di Città Sant'Angelo.

Dopo la pesante sconfitta 4-2 patita a Torino, frutto anche di gravi errori individuali e di squadra, i biancazzurri preparano il posticipo di lunedì sera all'Adriatico contro la Sampdoria.

Fermo restando che gli uomini di Zeman con i granata non hanno certo offerto una prova all'altezza della situazione, sono balzati agli occhi i tanti, troppi orrori arbitrali che nelle ultime settimane stanno condannando il Pescara sotto il profilo dei risultati. A farne le spese, Pescara in primis ovviamente, Ciro Immobile che dopo il gol regolare col Grosseto si è visto annullare un altra rete perfettamente regolare sullo 0-0 a Torino.

I biancazzurri non hanno certo disputato un grande incontro ma a metà primo tempo, con in vantaggio di una rete, probabilmente la storia della partita, a livello psicologico e soprattutto tattico con i granata costretti a scoprirsi, sarebbe potuta cambiare.

A fine partita è esplosa la rabbia dei biancazzurri, che giustamente hanno protestato contro il trattamento riservato al Pescara dalla classe arbitrale nelle ultime settimane: «è un mese che giochiamo in inferiorità numerica o con malus» – racconta deluso Andrea Gessa – «con giocatori espulsi o per gol regolarissimi annullati. Finché giochiamo senza handicap possiamo giocarcela alla pari con tutte, ma è chiaro che diventa difficile affrontare una grande squadra come il Torino che non ha bisogno di aiuti arbitrali».

«L'arbitro ha sbagliato in occasione del gol annullato a Immobile» – va avanti l'esterno biancazzurro – «ed anche forse in un paio di gol del Torino. Sicuramente non mi va giù l'ammonizione che ho preso perché ho protesto in maniera corretta ed educata chiedendo soltanto spiegazioni. Ci vorrebbe un po' più di buon senso anche perché ero diffidato e per questa ammonizione non potrò giocare con la Sampdoria».

Alla ripresa degli allenamenti si attende anche la reazione di Zdenek Zeman,

Infine negli abituali punti distribuzione sono già in vendita i tagliandi per il match di lunedì alle 20,45 contro la Sampdoria. La speranza, nonostante le 2 sconfitte consecutive con Grosseto e Torino, è quella di battere il record di spettatori ottenuto qualche settimana fa col Padova. Il pubblico, forse nel primo vero momento di crisi di risultati della squadra, potrebbe essere determinante per conquistare 3 punti fondamentali in ottica promozione. I biglietti vanno dai 25 e 15 euro della Tribuna Maiella e Distinti agli 11 euro delle Curve.

 Andrea Sacchini  12/12/2011 15:28