Pallavolo. Paglieta 3- Chieti 1

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

3211

  

CHIETI. Passo falso della Rdm Pallavolo Chieti, che nell'anticipo della nona giornata di campionato non é riuscita a portare a casa punti dalla trasferta di Paglieta.

Eppure le cose per i teatini si erano messe subito bene in questo derby, grazie ad una partenza sprint che ha lasciato spiazzati i padroni di casa (5-10). Rossetti, Zagaria e Di Giacomo non lasciano scampo agli avversari, assieme all'ottimo muro di capitan Schiazza e compagni che argina praticamente tutto, mentre il Paglieta accusa segni di tensione sbagliando molto in fase di battuta e ricezione (11-20), fino al punto finale del set messo a segno da Brunn (15-25).

Il secondo tempo riparte pressoché in equilibrio (5-4), con una successiva fuga del Paglieta subito recuperata dai punti di Zagaria e Schiazza (9-9). La partita si fa intensa, fino a quando il primo arbitro ci mette del suo iniziando a valutare ripetutamente "doppia" l'alzata di Schiazza che fino a poco prima é sempre stata regolare, pertanto da quel momento la Rdm Chieti si innervosisce ed inizia a commettere qualche sbavatura di troppo tra attacchi out ed invasioni che ridanno coraggio ai padroni di casa (17-11). Mister Raffaelli sostituisce Schiazza con Medori ma purtroppo la situazione non cambia, pertanto il Paglieta rimette il match in parità (25-14).
Nel terzo set ripartono meglio i padroni di casa (8-4), e l'allenatore gialloblù reinserisce nuovamente Medori al posto di Schiazza. La tensione agonistica continua ad incidere sul rendimento dei teatini, i quali calano di qualità nella ricezione e non riescono ad andare regolarmente a punto a causa della ritrovata difesa dei padroni di casa (16-8). Rossetti e Zagaria in attacco fanno ciò che possono, ma l'ingresso di Scarponi e Sborgia nel finale di tempo non riesce a frenare il Paglieta che si porta sul 2-1.
Al rientro in campo i teatini sembrano aver riorganizzato le idee con i punti di Rossetti, Longobardo e Brunn, ma purtroppo gli errori dei gialloblù continuano ad incidere sul risultato con gli attacchi out ed una battuta a rete degli stessi giocatori (6-6). La Rdm Chieti ora é tornata a giocare a buon livello, mentre per i padroni di casa al merito di mantere costante il ritmo di gioco si aggiunge anche un pizzico di fortuna, che si manifesta sia nelle palle contese sopra la rete e sia negli attacchi delle due squadre che si infrangono sul muro avversario, quando la palla assume sempre una traiettoria bizzarra che i giocatori del Chieti non riescono a rimettere in gioco (16-14). Il nervosismo in campo intanto aumenta, sia tra gli atleti e sia nelle panchine dove soprattutto l'allenatore di casa dimostra di non saper mantenere la calma nonostante il vantaggio dei suoi, prendendosela poco educatamente con i colleghi avversari. Dal punto di vista del gioco intanto l'andamento della gara rimane invariato per tutta la durata del set, con il Chieti che rimane sulla scia del Paglieta e che non riesce a realizzare la rimonta per la possibile riapertura della gara (25-21).
I ragazzi del Paglieta si aggiudicano meritatamente la gara di oggi, peccato però per le note stonate della giornata rappresentate dalla incapacità dei direttori di gara di gestire il match dal punto di vista disciplinare nonostante il buon clima iniziale, e dalla poca professionalità di un dirigente della formazione locale che dai gradoni ha preferito prendersela prima e durante il match con un giocatore ospite ex Paglieta per recenti incomprensioni anziché sostenere la propria squadra, davvero un peccato.

 

RISULTATO FINALE: VIRTUS PAGLIETA (CH) 3 - RDM GALENO CHIETI 1
VIRTUS PAGLIETA (CH): Cespa, D'Angelo, Finizio (L), Galante, Leoni, Maggio, Matricardi, Michelini, Tatasciore, Terenzi, Valente, Zaccagnini. Allenatore: De Angelis.
RDM GALENO CHIETI: Amoroso, Brunn, De Leo, Di Giacomo, Longobardo, Mammarella, Pappadà (L), Rossetti, Sborgia, Scarponi, Schiazza, Zagaria. Allenatore: Andrea Raffaelli.
RISULTATI PARZIALI: 15-25, 25-14, 25-14, 25-21.
ARBITRI: Pietro Bozza e Alberto Dell'Orso.

08/12/2011 17:43