Serie B. Sconfitta all'Adriatico del Pescara che cede 2-1 al Grosseto. Gol fantasma di Immobile

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

3090

PESCARA. Un gol di Sforzini a 10 minuti dalla fine condanna il Pescara alla prima sconfitta interna della stagione.

Vantaggio pescarese con Sansovini al 22esimo del primo tempo e pareggio di Alfageme al minuto 40. Nella ripresa, al 36esimo, la doccia fredda del 2-1 finale firmato da Sforzini.

Verdetto del campo profondamente ingiusto con il Pescara che avrebbe meritato, a guardare soltanto il primo tempo, addirittura più del pareggio. Tante recriminazioni per le chance sprecate soprattutto da Insigne e per il gol fantasma, che le immagini televisive poi non chiariranno, non dato ad Immobile.

Gara dai 2 volti. Nel primo tempo bene i biancazzurri, abili nel creare una serie interminabile di occasioni da rete senza però mai riuscire a trovare il punto del ko dopo il vantaggio di Sansovini. Ripresa invece molto deludente per gli uomini di Zdenek Zeman sotto il profilo del gioco, del ritmo e dell'intensità, con Insigne e compagni incapaci di creare seri pericoli alla porta ospite.

Dal canto suo il Grosseto, giunto in Abruzzo col chiaro intento di riportare a casa almeno un punto, dopo un primo tempo difficile ha preso le misure di un Pescara tutt'altro che in giornata e poco incisivo dalle parti di Narciso.

Con un po' di fortuna, parecchi errori sotto porta dei biancazzurri ed il gol fantasma di Immobile che avrebbe potuto cambiare la storia del match, il Grosseto espugna l'Adriatico e costringe il Pescara al terzo posto in classifica insieme al Sassuolo ed a meno uno dal Verona.

Ottimo avvio dei padroni di casa, che creano i prodromi del gol già al minuto 2. Ottimo pallone di Immobile per Sansovini che in piena area di rigore sparacchia addosso a Narciso, il pallone termina sui piedi di Insigne che a 2 passi dalla porta sguarnita alza incredibilmente la sfera sulla traversa.

Al decimo è Sansovini a divorarsi un gol solo contro Narciso cincischiando da favorevolissima posizione.

Al quarto d'ora ci prova dalla distanza Insigne senza fortuna. È il momento migliore del Pescara, che cinge sotto assedio la porta del Grosseto. Al 22esimo il meritato vantaggio degli abruzzesi porta la firma di Sansovini, che in acrobazia in piena area insacca su un grande suggerimento dalla sinistra di Nicco.

Il Grosseto è nel pallone, ma in ben 3 occasioni nitide il Pescara non ne approfitta. Alla mezz'ora Insigne, liberato da Cascione, a tu per tu con Narciso pasticcia e conclude malissimo.

Al 34esimo ci prova su punizione Gessa con pallone di un nulla alla sinistra dell'estremo difensore maremmano. Al 35esimo Sansovini ci prova ma Giallombardo mette il proprio corpo tra l'attaccante biancazzurro e la porta ormai sguarnita del Grosseto.

Per la regola non scritta del calcio gol mangiato gol subito, anche se per le occasioni fallite bisogna utilizzare il plurale, al 40esimo il Grosseto pareggia. In classica azione di contropiede salta la trappola del fuorigioco, Alfageme in solitaria salta Anania e deposita la sfera in rete.

Prima del riposo però altre 2 clamorose palle gol per il Pescara. Al 43esimo Insigne, sicuramente il peggiore in campo, a 2 passi dalla porta vuota pasticcia ancora. Al 45esimo il gol fantasma di Immobile, grande girata al limite dell'area di rigore e palla che prima incoccia sulla traversa e poi rimbalza sulla linea con le immagini tv che non chiariscono se il pallone abbia varcato completamente la linea di porta.

Nella ripresa è tutta un'altra partita. Bene il Grosseto che in avvio crea un paio di chance, male il Pescara poco incisivo nonostante i cambi di Petterini e Maniero per Nicco e Sansovini.

Al sesto Alfageme da posizione decentrata salta in contropiede nuovamente Anania e prova ad insaccare ma il tempestivo intervento di Capuano nega la gioia della doppietta all'ex biancazzurro. All'ottavo e al decimo una conclusione dalla distanza di Consonni ed un colpo di testa di Sforzini mettono in apprensione Anania.

Al 36esimo, dopo l'ennesima occasione sciupata da Insigne, il Grosseto passa incredibilmente in vantaggio. Sforzini, servito da un compagno, incrocia la conclusione ed insacca alle spalle di Anania da posizione decentrata in piena area di rigore.

Sterile la reazione del Pescara, che non porta a nulla nell'ultimo quarto d'ora di gara.

Sabato prossimo sfida fondamentale in ottica serie A all'Olimpico contro il Torino. Il match di oggi pomeriggio tra Padova e Torino è stato sospeso alla mezz'ora del secondo tempo, con i patavini in vantaggio di una rete, per un guasto all'impianto di illuminazione dello stadio. L'ultimo quarto d'ora di gara verrà disputato domani alle 14,30.

 TABELLINO

 PESCARA (4-3-3): Anania 5.5; Zanon 5.5, Capuano 5.5, Brosco 5.5, Balzano 5.5; Nicco 5 (18'st Petterini 5.5), Gessa 5, Cascione 6; Sansovini 6 (18'st Maniero 5), Insigne 4, Immobile 6.5. A disposizione: Pinsoglio, Romagnoli, Soddimo, Giacomelli, Corsi. Allenatore: Zeman.

GROSSETO (4-4-2): Narciso; Petras, Padella, Giallombardo, Antei; Ronaldo, Alfageme (21'st Mancino), Crimi, Consonni (34'st Moretti); Caridi (38'st Lupoli), Sforzini. A disposizione: Mangiapelo, Formiconi, Ferardi, Nanni. Allenatore: Giannino.

ARBITRO: Nasca della sezione di Bari. Presenti circa 11mila spettatori.

03/12/2011 20:06