Delfino Pescara. Zeman: «questione societaria? Occorre solo buona volontà»

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2677

  

PESCARA.  Mentre a livello societario si cercano di mettere a posto i cocci con  le posizioni di De Cecco e Sebastiani ancora al momento distanti, il  morale di tifosi e squadra è alle stelle dopo la grande vittoria di  sabato col Gubbio.

Successo meritato che ha visto gli abruzzesi prevalere per gioco ed occasioni da gol create nonostante l'inferiorità numerica per oltre un'ora.

La squadra, non è una novità, ha avuto l'iniziativa per quasi tutta la partita sfiorando in più occasioni la terza rete. Zeman può ritenersi soddisfatto anche perché, parentesi di Livorno a parte, il Pescara ha dimostrato di poter lottare sia contro avversari sulla carta superiori come il Padova, sia contro decisioni arbitrali sbagliate come accaduto col Gubbio.

«Sono contento per la vittoria e per la classifica» – racconta Zdenek Zeman – «siamo tra i primi e vogliamo rimanerci fino alla fine. La squadra sta dando soddisfazioni a me e soprattutto alla tifoseria, ma dobbiamo rimanere con i piedi per terra. Si sta parlando troppo e spero che la squadra riesca a mantenere sempre alta la concentrazione».

Fastidioso, anche se fortunatamente non decisivo, l'episodio del rigore-espulsione in favore del dubbio: «non ho visto bene l'episodio ma chi ha visto la tv ha detto che non era rigore ed espulsione. In 10 abbiamo fatto una buona gara, probabilmente favoriti dal fatto che il Gubbio in superiorità numerica ha creduto di vincere. Questo li ha costretti a sbilanciarsi in avanti e noi di conseguenza abbiamo trovato diversi spazi nelle ripartenze».

«Nonostante la buona prova» – prosegue Zeman – «dobbiamo ancora migliorare tantissimo. Abbiamo sbagliato troppe palle gol. Potevamo chiudere la partita molto prima, invece abbiamo sofferto fino al 90esimo proprio come contro il Padova».

Conclusione dedicata alle note vicende societarie legate al Poggio degli Ulivi: «speriamo che tutto si risolva in tempi brevi perché noi abbiamo bisogno di una società forte. C'è bisogno soltanto di buona volontà di entrambe le parti».

Intanto si attendono in settimana sviluppi proprio per quanto riguarda la questione societaria. Venerdì 25 novembre importante assemblea dei soci, dove verrà messa ai voti la proposta del patron De Cecco di acquisire il Poggio degli Ulivi. L'esito della votazione pare scontato, come sottolineato da Daniele Sebastiani, con il no netto alla proposta di De Cecco. Resterà da vedere, a margine della riunione, il futuro in biancazzurro dell'attuale patron, che potrebbe lasciare o proseguire l'avventura in riva all'Adriatico.

La squadra intanto riprenderà oggi gli allenamenti. In vista della prossima partita di domenica sul campo del Vicenza (calcio d'inizio ore 12.30, ndr) verrà squalificato per un turno Capuano, espulso sabato col Gubbio. Al posto dell'ex primavera biancazzurro scontato l'impiego dall'inizio di Brosco, che affiancherà il confermato Romagnoli.

 CAMPIONATO PRIMAVERA: NAPOLI-PESCARA 1-1

 RETI: 32'st Signorelli (N), 48'st Martella (P).

NAPOLI: Crispino, Allegra, Nicolao, Di Donna, Iuliano (45'st Esposito), Di Falco, Santana, Palma (1'st Signorelli), Scielto (30'st D'Andrea), Pesce, Insigne. A disposizione: Sestile, Savarise, Laezza, Romano. Allenatore: Sormani.

PESCARA: Cattenari, Barbone (32'st Vittiglio), Martella, Colantoni, Diana, Bacchetti, Dovidio, Iannascoli, Sciarra, Di Bartolomeo, Saladino (14'st Della Cioppa). A disposizione: Cappa, Di Pentima, Bizzarri, Masciovecchio. Allenatore: Di Battista.

ARBITRO: Formato della sezione di Benevento.

 

Andrea Sacchini  21/11/2011 07:06