Pallanuoto. Humangest, ancora una sconfitta di misura

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

531

Ancora una buona partita, giocata alla pari con l'avversario di turno, in questo caso l'Imperia. Purtroppo la seconda trasferta consecutiva in Liguria ha ha portato di nuovo una sconfitta per la Humangest Water Polis e sempre di misura: 8-7.
E' davvero incredibile come la formazione pescarese sia sfortunata o comunque poco capace di capitalizzare quanto di positivo fa vedere in acqua, ma arrivati a questo punto del campionato, è obbligatorio prenderne atto.
Alla conclusione della regular season adesso mancano appena cinque giornate, la Humangest è sempre al penultimo posto della classifica, a quattro lunghezze dal terz'ultimo che significa play-out.
Da segnalare che anche l'Acilia, con cui il Pescara è in lotta, continua a perdere.
C'è anche da aggiungere che la sfortuna continua a bersagliare la formazione pescarese, che a Imperia si è presentata senza il neo-acquisto Francesco Riccadonna (frattura alle costole) e con il bomber Matteo Casini in precarie condizioni e con la febbre a 39°!
E poi il solito arbitraggio strano non ha certo aiutato il team del portiere-allenatore Paolo Bocchia.
Il montengerino Vladimir Latkovic è stato come sempre uno dei più positivi, sia in difesa sia in attacco. Questo il suo commento:«Sembra una maledizione, è una stagione incredibile. Non siamo stati messi mai sotto da nessuna squadra, eppure solo raramente riusciamo a raccogliere per quello che seminiamo. Peccato, anche sabato abbiamo avuto delle buone occasioni per pareggiare o addirittura vincere, ma le abbiamo fallite in modo clamoroso, subendo invece qualche gol in maniera ingenua. Una buona partita, certo, ma dobbiamo fare un qualcosa in più. Gli arbitri? Lasciamo perdere, sicuramente siamo poco simpatici…».
Il calendario propone ora due match interni consecutivi: contro il Como e contro il Modena.

07/05/2007 12.27