Pallamano A2. L’Handball Roma macina la Pharmapiù Sport ma vince di misura

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

572

ROMA. La Pharmapiù di Città Sant'Angelo a Roma riceve dai padroni di casa della Handball ostilità e aggressioni verbali.
Parole grosse a bordo campo e nervosismo in campo, scaturito anche perché la coppia arbitrale Farinaceo e Gottadauro non è stata all'altezza della situazione, fischiando spesso con intempestività e non punendo in maniera esemplare alcuni falli commessi dalla difesa della Roma.
In una in particolare il terzino angolano Martellini ha rischiato seriamente di farsi male, subendo un fallo dal suo opposto e battendo violentemente il capo.
Un fallo che in condizioni normali sarebbe stato sanzionato con un “cartellino rosso”, invece è stato considerato del tutto casuale.
Per la cronaca partono bene gli angolani e portandosi in vantaggio ma dopo solo cinque minuti la Roma incomincia a imperniare la partita sulla “fisicità”, prima pareggia e subito dopo si porta in vantaggio.
Gli angolani si innervosiscono e sbagliano una serie incredibile di tiri e malgrado ciò rimangono a ruota e non demordono, cercando comunque di mantenere alti i ritmi di gioco.
Il primo tempo si chiude con i padroni di casa in vantaggio di 13 a 12.
Nella seconda frazione i romani rincarano la dose ed aggrediscono ulteriormente gli angolani con falli al limite della sportività ed i giovanissimi della Pharmapiù Sport accumulano uno svantaggio di sei reti.
A questo punto le forze dei padroni di casa si affievoliscono e cominciano a macinare un bel gioco i pur talentuosi del Città Sant'Angelo che negli ultimi dieci minuti recuperano alla grande e prepotentemente rientrano in partita.
Ad un minuto dal termine il capitano Gabriele Marcello sbaglia però il tiro del probabile pareggio, spedendo il pallone di un soffio sopra la traversa, nell'attacco finale la Roma trascinati alla grande dall'italo argentino Acetti piazza il gol della sicurezza e chiude il match sul 33 a 31.
Gioia incontenibile della squadra di casa che dopo questa vittoria spera ancora di salvarsi, amarezza per gli adriatici della Pharmapiù Sport che avevano comunque creduto nel miracolo di rimonta.
La vittoria, per gli uomini del presidente Remigio, comunque potrebbe essere rinviata a sabato prossimo quando al palacastagna di Città Sant'Angelo si disputerà l'ultima partita del campionato contro il Massa Marittima, squadra anch'ella invischiata in zona retrocessione. Il 12 maggio, quindi, assisteremo alla giornata della solidarietà per l'acquisto di un'autoambulanza, ritenuta ormai indispensabile dalla collettività angolana.

07/05/2007 9.12