Il Pescara virtualmente retrocesso oggi a Rimini

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

761

RIMINI. Nessuna novità sul fronte soceetario: la situazione resta quella di giovedì quando, durante il cda della Pescara calcio, Pincione ha espressamente richiesto l'estromissione di Di Giacomo dal consiglio di amministrazione.
Questo perché, almeno a sentire Pincione, l'ex vicepresidente biancazzurro avrebbe diffuso notizie false e diffamanti nei suoi riguardi e sulla squadra. Con la testa immersa nella ingarbugliata situazione , oggi la squadra fa visita al Rimini nella 36esima giornata di serie B.
I biancorossi di Acori sono lanciatissimi nella corsa play-off ed oggi il pronostico è tutto dalla loro parte. Miglior collettivo, tecnica di base superiore ed un pacchetto offensivo e difensivo di gran lunga superiore agli adriatici.
Basti pensare che i più famosi bookmaker quotano la vittoria dei romagnoli 1.17, mentre l'affermazione del Pescara addirittura 16.00. L'eventuale pareggio si attesta sulla quota di 5.30. D'altronde, la partita di questo pomeriggio (inizio ore 16.00 allo stadio Benelli) vede di fronte un'ottima squadra che, al momento, possiede ottime chance di partecipare ai play-off per la conquista della serie A ed una compagine ormai virtualmente retrocessa.
Il Pescara, a questo punto della stagione, non ha più nulla da chiedere al campionato e lo ha dimostrato sul campo nell'ultimo match perso in casa contro l'Arezzo uno a due. Vivarini e De Rosa, ad ogni modo, almeno a parole continuano a credere ancora nella salvezza, malgrado la triste realtà veda biancazzurri a ben dodici lunghezze dal quintultimo posto (in caso di parità di punti con il Modena, i canarini sarebbero davanti perché in vantaggio negli scontri diretti).
Il duo tecnico opta per un classico 4-4-2. Gonnella, Vicentini e Paponetti non recuperano dai propri infortuni mentre Luci, Mora e Zoppetti non sono stati neanche convocati in quanto squalificati. Polito in porta. In difesa, coppia centrale Olivieri-Delli Carri, Demartis a destra e ballottaggio Aquilanti-Felci sull'out di destra con il secondo leggermente favorito. Centrocampo a quattro con Moscardi e Papini in mezzo, La Vista e De Falco sugli esterni. Non è da escludere comunque l'impiego dall'inizio di Antonelli in luogo di quest'ultimo. In attacco largo al tandem Russo-Vantaggiato con Martini ancora una volta costretto a sedersi in panchina.
Per contro, Leonardo Acori disegna il suo Rimini secondo i canoni del 4-4-1-1. Baccin, Porchia, Vitiello e Regonesi a protezione della porta difesa da Handanovic. A centrocampo, Tasso e Cardinali centrali, Valiani e Cascione sulle ali. Il fantasista Ricchiuti a supporto dell'unico terminale offensivo Matri.
Arbitra Giorgio Lops della sezione di Torino.
Andrea Sacchini.

28/04/2007 10.13