Giornata nera per le barche italiane: battuti i Mascalzoni e Luna Rossa

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

690

VALENCIA. opo la bonaccia di ieri oggi a Valencia si sono svolte le regate previste ma con la buona notizia del vento sono arrivate anche le batoste.
Il match tra Emirates Team New Zealand e Areva Challenge si decide alla prima bolina. Partiti in boa, i kiwi si allungano presto e al primo incrocio scelgono la destra del campo, favorita dalla brezza. Alla prima boa sono già in testa (34”) e da quel momento condurranno la regata sempre davanti all'avversario, controllando ogni mossa.

La regata tra Desafío Español 2007 e Mascalzone Latino Capitalia Team è stata molto combattuta per tutta la prima bolina, con le barche sempre pari, in termini di velocità, anche se separate lateralmente (spagnoli sulla sinistra e italiani sulla destra). È stato molto bravo il pozzetto di ESP 97 a ‘rimbalzare' continuamente la barca italiana sulla destra del campo. Nei pressi della boa di bolina, e in leggero vantaggio, Jablonski vira davanti a ITA 99, costringendo Favini ad una virata aggiuntiva che si tradurrà in 34 secondi di svantaggio per i ‘Mascalzoni' alla prima boa. Il distacco aumenterà a 51 secondi al cancello. Nonostante un discreto recupero nella seconda bolina, il team partenopeo non riesce a ribaltare la situazione. Jaime Arbones, lo storico prodiere di Desafío Español 2007, festeggia degnamente i suoi 35 anni!

Anche il match tra China Team e United Internet Team Germany era interessante perché i due team erano entrambi a zero punti. Alla fine di una regata relativamente facile, e condotta sempre in testa, saranno i tedeschi di Jesper Bank ad aggiudicarsi la prima vittoria nella Louis Vuitton Cup. Nel corso della regata un velista cinese è finito in mare ed è stato recuperato dalla barca umpire.

‘Match of the day' certamente quello tra Shosholoza e Luna Rossa.
La barca italiana parte in battello comitato, sopravvento a Shosholoza ed è costretta a virare subito, verso la destra estrema del campo. Shosholoza naviga su un vento migliore a sinistra e riesce a mantenere posizione e vantaggio sino alla prima boa al vento, girata con 17” di vantaggio. Memore del match perso con gli americani qualche giorno fa, a causa della tensione, il team sudafricano rimane in pieno controllo della situazione nella prima poppa, e al cancello è ancora avanti per 20”. Essere più veloci nelle manovre, non aiuta gli italiani a guadagnare abbastanza terreno per effettuare il sorpasso. Alla seconda boa, è ancora Paolo Cian in testa. Luna Rossa attacca nell'ultima poppa, cercando di raggiungere la barca sudafricana, ma non ci riesce. Team Shosholoza festeggia un'altra, importantissima vittoria.

Poco da dire sul match tra BMW ORACLE Racing e Victory Challenge. Magnus Holmberg cerca di mettere in difficoltà Dickson in prepartenza con una serie di circling abbastanza aggressivi ma, una volta partite le barche, USA 98 si allunga con facilità sull'avversaria e mantiene il controllo sino all'arrivo.

24/04/2007 16.27