Tiro al volo, la coppa del mondo passa per Manoppello

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1002



MANOPPELLO. Dal 28 al 30 aprile, il pentacampo olimpico dell'associazione sportiva Sant'Uberto di Manoppello scalo ospiterà il “Gand prix d'Italie” di tiro al volo dalla fossa universale, valevole come prova individuale e a squadre di coppa del mondo e “open” di coppa Europa.
La competizione di questa specialità non olimpica è stata presentata stamani in Provincia da Ermano Morelli, presidente regionale del coni, Maurizio Gallucci, responsabile della Federazione di tiro a volo dell'Abruzzo, Antonello Iezzi, Domenico Scioletti e Giovanni Andriulli dell'organizzazione, Paolo Fornarola, assessore provinciale allo Sport.
Sono previsti 240 tiratori (molti di più gli accompagnatori e gli appassionati al seguito attesi), provenienti non solo dall'Italia, che si contenderanno, oltre al titolo e ai piazzamenti, i 15mila euro complessivi di montepremi previsti mirando a 200 piattelli (suddivisi in 75 sabato, altrettanti domenica e 50 lunedì prossimi) di materiale biodegradabile composito del peso di cento grammi e da 12 centimetri di diametro ciascuno, da una distanza di 35 metri su uno dei cinque campi a disposizione, di dimensioni 60 per 150 metri, con un fucile a doppia canna liscia sovrapposta calibro 12. Possono partecipare solo i tesserati Fitasc e le quote d'adesione sono di 135 euro per le categorie senior, super veterano, veterano e donne; 85 per quella junior e 30 euro per quella a squadra di società da tre atleti. Le iscrizioni, che vanno effettuate attraverso la federazione (www.fitasc.com) oppure tramite l'associazione che promuove l'iniziativa (www.tavsantuberto.it), saranno aperte fino alle 16 del giorno prima dell'inizio della gara.
24/04/2007 15.47