Ciclismo. Areekev vince la seconda tappa della Tirreno-Adriatico

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

958

MARSCIANO. Strepitosa vittoria dell'Acqua & Sapone Caffè Mokambo che ha conquistato, grazie al russo Alexander Areekev, la seconda tappa della Tirreno Adriatico Civitanova Marche-Marsciano, la maglia da leader e quella da ciclamino.
Il corridore è stato il protagonista di una fuga a quattro dopo soli 3 km dalla partenza riuscendo a vincere per distacco su Daniele Contrini (Tinkoff Credit Systems).
Areekev è scattato subito in compagnia degli italiani Daniele Contrini (Tinkoff Credit Systems) e Fortunato Baliani (Panaria Navigare) e del tedesco Sven Krauss (Gerolsteiner).
I quattro hanno accumulato fino a 14 minuti di vantaggio e nel finale hanno resistito al ritorno del gruppo: a 13 km dalla fine, Arekeev è scattato in salita ed è volato tutto solo al traguardo di Marsciano.
Alle sue spalle, a trenta secondi, nell'ordine Contrini, Krauss e Baliani, mentre l'austriaco Bernhard Eisel ha vinto la volata per il quinto posto ed ha esultato, convinto di aver vinto.
Alexandr Areekev è nato il 10 aprile del 1982 dal 2004, corre con l'Acqua & Sapone Caffè Mokambo, finora non aveva conseguito nessuna vittoria.
«Sono molto contento – dice il leader della Tirreno Adriatico - sono scattato sugli altri miei compagni di fuga al momento giusto e ho dato tutto per cercare di guadagnare secondi preziosi. Proprio quando mancavano dieci chilometri ho cominciato a crederci, e devo dire che sono davvero molto soddisfatto della mia gara. Una vittoria che dedico alla squadra e in particolare a Palmiro Masciarelli, dal 2004 corro da professionista per il suo team e ha sempre creduto nelle mie potenzialità. Vedremo se riuscirò a difendere la maglia, tutta la squadra mi sarà vicino e cercherò di correre con astuzia e dando poi tutto alla cronometro».
Palmiro Masciarelli che ha sempre creduto fin da juniores nelle possibilità di Arekeev, appena ha appreso la notizia ha esultato insieme a tutto il gruppo: «Una bella soddisfazione vincere con una fuga di quasi duecento chilometri. Fin dallo scorso anno questo corridore aveva mostrato di avere molto talento quando fece una fuga di oltre cento chilometri al Giro dell'Emilia, quest'anno è riuscito pure aq vincere. Una vittoria che dona grande morale a tutto il team. Sono sicuro che Arekeev riuscirà a difendere la maglia e tutta la squadra lo aiuterà in questa impresa. E' un corridore che va forte pure alla cronometro e recupera bene».

16/03/2007 9.03