Pallanuoto. Humangest, il pari serve a poco

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

951

Pareggiando 11-11 contro l'Acilia Roma, la Humangest Water Polis Pescara ha ottenuto il primo punto casalingo della stagione.
Un punto amaro, però, perché fino a cinque secondi dal termine la squadra di Paolo Bocchia era in vantaggio di un gol e solo un clamoroso svarione della coppia arbitrale Zappatore-Alfi, che ha concesso un tiro di rigore a dir poco… strano, ha rimesso in equilibrio le sorti della partita.
Tiro di rigore concesso perché il giocatore espulso non sarebbe uscito immediatamente dall'acqua e avrebbe toccato il pallone. Tutto perfetto, se non fosse per il fatto che un arbitro aveva segnalato il numero 7 (Latkovic) e un altro il numero 2 (Di Fulvio).
Quindi? E la giuria dov'era?
A nulla sono valse le proteste, così come a nulla sono valse le scuse che uno dei due arbitri ha formulato a Latkovic dopo la fine dell'incontro.
Gli arbitri sono stati decisivi per l'episodio che di fatto ha determinato il risultato, ma c'è da aggiungere che la condotta di gara della Humangest ha lasciato molto a desiderare. Al giro di boa i pescaresi erano in vantaggio addirittura per 9-4, vantaggio dilapidato nel corso di un dissennato terzo tempo (0-4!), segno che la paura di vincere sta attanagliando e non poco gli atleti biancazzurri.
Per la classifica, il punticino è poca roba, anche se consente al Pescara di restare al penultimo posto. Sabato, infatti, il fanalino di coda Bergamo è riuscito nell'intento di superare il Bologna, avvicinandosi pericolosamente e rimettendo in discussione parecchie considerazioni.
Il portiere-allenatore Paolo Bocchia si è arrabbiato parecchio per come la sua squadra non è riuscita a portare in porto un risultato che sembrava in discesa, visto come si erano messe le cose a un certo momento del match, ma nello stesso tempo sta cercando di archiviare il tutto per concentrarsi sul match – ancora una volta importantissimo – di mercoledì pomeriggio a Cagliari.
Questa sarà una settimana molto intensa, perché dopo la trasferta di Cagliari la Humangest affronterà alle Naiadi (sabato) il Bergamo per un drammatico scontro-salvezza.

12/03/2007 11.56