Il Pescara rimonta, a Bari è 1-2. La salvezza è ora a portata di mano

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1072

BARI. Cuore, coraggio, grinta e orgoglio. Questo è stato il Pescara di ieri che batte meritatamente il bari per 2-1.
Va sotto di un gol, pareggia, subisce un rigore dubbio contro e poi ha la grande forza di portarsi in vantaggio a pochi minuti dal termine della contesa.
Immensa la prova di Vantaggiato, autore di entrambi i gol che hanno permesso ai biancazzurri di conquistare la prima vittoria stagionale in trasferta.
Il Pescara non vinceva fuori casa dallo scorso aprile, quasi un anno solare, Rimini-Pescara 0-2.
Anche in quella occasione, la gara fu decisa da una doppietta, di Croce.
Gloria anche per Polito che, alla mezzora del primo tempo sul risultato di 1-1, ha respinto un rigore a Carrus.
Grandissima l'esultanza dell'ex portiere del Catania, giunto a Gennaio in cambio di Spadavecchia.
Il portiere è un ruolo fondamentale ed oggi se n'è avuta l'ennesima prova.
Positive anche le prestazioni dell'altro ex La Vista e di Rigoni, quest'ultimo preferito ad Antonelli dal primo minuto.
Dieci punti nelle ultime cinque gare, null'altro da dire.
Un ruolino di marcia davvero impressionante per una formazione che nei primi tre mesi di campionato aveva totalizzato la miseria di 6 punti.
Il quint'ultimo posto dista solo cinque lunghezza e mai come ora la salvezza è a portata di mano.
Il ricordo del Pescara di Paterna sembra lontano ma in realtà è passato solamente un mese dall'avvento di Renzetti.
Eppure sembra essere cambiato tutto.
Oltre i nuovi innesti, che indubbiamente hanno elevato di molto il tasso tecnico dell'organico, un merito va al duo Vivarini-De Rosa.
Entrambi hanno saputo dare un'identità ben precisa ad una squadra che sembrava ormai spacciata e rassegnata alla retrocessione.
Grandissimi i due tecnici anche nel trovare la giusta collocazione ed il giusto ruolo in campo per tutti gli elementi della rosa.
Tra una settimana all'Adriatico verrà il Cesena, sconfitto ieri in casa per due reti ad una da un Vicenza ormai fuori dalla zona calda della classifica.
Toccherà al Comune mettere a norma in tempo l'impianto pescarese per poter permettere l'ingresso dei tifosi del delfino.
Il pubblico, a questo punto della stagione, diventa fondamentale. La salvezza è lì, non è impossibile, ma tutti devono remare dalla stessa parte.


BARI-PESCARA, MINUTO PER MINUTO

MINUTO 8: Il Bari, dopo un inizio promettente del Pescara, passa subito in vantaggio. Sgrigna scodella dall'out di sinistro un ottimo pallone per Scaglia che, appena entrato in area di rigore, fredda l'incolpevole Polito. Bari uno Pescara zero al primo affondo deciso dei galletti. Nell'occasione errore in marcatura di Demartis che si lascia colpevolmente sfuggire il centrocampista barese.

MINUTO 26: Reazione del Pescara che trova quasi subito il punto del pareggio. Preciso cross dalla destra di Zoppetti per l'accorrente Vantaggiato che, libero, di testa insacca la sfera alle spalle del numero uno di casa. Bari uno Pescara uno.

MINUTO 36: Polito e l'arbitro Velotto, per diversi meriti, rubano la platea agli altri. Il fischietto di Grosseto letteralmente inventa un calcio di rigore a favore del Bari per un inesistente fallo di Papini su Santoruvo. Carrus si incarica della battuta ma viene ipnotizzato da Polito che blocca a terra il suo penalty debole e centrale. Grande esultanza dell'ex estremo difensore di Avellino e Catania, divenuto importante in questa squadra. Il risultato resta di uno pari.

MINUTO 55: Il Pescara sfiora il vantaggio. Gran tiro di Rigoni su calcio piazzato dai 25 metri. Grande intervento di Gillet che si rifugia in angolo.

MINUTO 67: Retropassaggio troppo corto di Zoppetti per Polito, tra i due si inserisce Santoruvo anticipato però all'ultimo dal tempestivo intervento dell'ottimo Polito, decisivo nell'occasione.

MINUTO 87: Il Pescara trova il punto del definitivo 2-1 grazie ad una sciocchezza dell'ex Micolucci che appoggia all'indietro per il proprio portiere in uscita. Mani di Gillet ed inevitabile calcio di punizione a due in area. La distanza è ottima, appena 11 metri dalla linea di porta. Si incarica della battuta Santoruvo che di potenza “buca” la barriera. Bari uno Pescara due e primo acuto stagionale per il team adriatico.


BARI-PESCARA, LE VOCI DEI PROTAGONISTI

LUIGI DE ROSA (Allenatore del Pescara)

«Lo ammetto, è stata una vittoria fortunosa grazie ad un gol giunto proprio negli ultimi minuti di gioco. Sono stati, però, anche tre punti cercati. Con i nuovi acquisti abbiamo sensibilmente migliorato l'organico a nostra disposizione. Adesso posso dire con certezza che la squadra è tecnicamente superiore a quella che ha iniziato il campionato. Anche l'organizzazione di gioco è sensibilmente migliorata. Non sono sorpreso dalla doppietta di Vantaggiato, è giovane ed è un grande giocatore già ora; non dimentichiamo che il futuro è dalla sua parte».

ANGELO RENZETTI (Presidente del Pescara)

«Sono contentissimo per questa prima vittoria stagionale in trasferta. Riguardo le questioni societarie, in settimana cercheremo tutti insieme di ricomporre la frattura. Se non riusciremo a trovare un accordo le mie dimissioni da presidente sono molto probabili. L'ho detto a più riprese, la macchina voglio guidarla da solo. Se i soci faranno un passo indietro bene altrimenti la mia uscita dalla Pescara calcio diverrà inevitabile».

TABELLINO

Bari (4-5-1): Gillet, Milani (37' st Tabbiani), Pianu, Gervasoni, Micolucci, Scaglia (14' st Ganci), Bellavista, Fusani, Sgrigna (23' st Vignaroli), Carrus, Santoruvo. (23 Aldegani, 6 Belmonte, 11 Carozza, 25 Cazzola) All.: Maran.
Pescara (4-4-2): Polito, Zappetti, Gonnella, Delli Carri, De Martis, La Vista (17' st Antonelli), Papini, Luci, Rigoni, Vantaggiato (47' st De Falco), Russo (17' st Martini). (24 Tardioli, 11 Moscardi, 19 Vicentini, 23 Olivieri). All. De Rosa.
Arbitro: Velotto di Grosseto
Reti: al 9' Scaglia, al 27' Vantaggiato; nel st al 43' Vantaggiato
Recupero: 4'-5'.
Ammoniti: Pianu, Papini, Antonelli per gioco falloso, Bellavista, Carrus e Rigoni per gioco non regolamentare, Russo
per proteste.
Spettatori: 4892 di cui 752 paganti e 4140 abbonati per un incasso complessivo di euro 25.402,00.

Andrea Sacchini 18/02/2007 10.13