Paterna-Renzetti: cosa c’è dietro le polemiche?

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1187

PESCARA. Potrebbe finalmente concludersi oggi stesso il lunghissimo tira e molla tra Paterna e Renzetti per la cessione della Pescara calcio. Questo pomeriggio è infatti in programma l'incontro tra i due che potrebbe essere decisivo, nel bene o nel male, per la cessione della società.
L'appuntamento è fissato alle 17 presso gli uffici della Euro s.r.l. presso Mosciano Sant'Angelo. Angelo Renzetti, come da lui stesso dichiarato a più riprese, ha tutta la volontà di chiudere positivamente la trattativa. A questo punto bisognerà vedere la reale intenzione di Paterna a vendere.
Qualcuno sta costringendo l'ex presidente della Pescara calcio ad essere così puntiglioso nei confronti di Renzetti?
Paterna ha trovato un altro interlocutore, secondo lui, più affidabile dell'imprenditore italo-svizzero? Oppure alcuni personaggi del pescarese considerano la persona di Renzetti scomoda?
Supposizioni, nient'altro che semplici interrogativi che, da giorni, frullano nella testa dei sostenitori del delfino. La piena verità, si sa, difficilmente verrà fuori in tempi brevi. Probabilmente non si saprà mai. Con buona pace degli interessati, però, le voci tra i tifosi corrono...

Ad ogni modo questo pomeriggio si vedrà chi dei due, Paterna o Renzetti o entrambi, avrà la reale intenzione di terminare questa stucchevole polemica.
Manca ancora una settimana alla fine del mercato e, perchè no, si potrebbe anche tentare di arrivare ad ingaggiare qualche giocatore importante. Ciò che è certo, è il fatto che la società in questo modo strutturata non ha davanti a sé un futuro troppo roseo. I tifosi, come d'altronde tutti coloro che tengono alle sorti del delfino, si augurano che oggi si possa dire l'agognata parola “fine” della lunga telenovella Paterna-Renzetti. Lo stesso, su questo punto, appare decisamente tranquillo sul buon esito della vicenda:
«Sono pronto a risolvere in maniera positiva il tutto con gli ultimi dettagli che rimangono. Ho sentito Paterna e domani (oggi per chi legge, ndr), ci incontreremo per chiudere definitivamente la trattativa. Sono pronto a soddisfare le richieste di Paterna ma, anche lui, dovrà venirmi incontro. Sottolineo il fatto che, però, la prima stesura del contratto prevedeva il pagamento di altri 600mila euro entro il 28 Febbraio 2007. Ora Paterna vuole questa cifra subito, andando contro ciò che avevamo entrambi stabilito di comune accordo. Sono convinto che alla fine vincerà il buon senso, anche perchè Paterna sarebbe un pazzo se rifiuterebbe un nuovo abbozzo di intesa. Ad ogni modo rassicuro i tifosi, in quanto la mia reale intenzione era ed è quella di anticipare le scadenze».

Andrea Sacchini 25/01/2007 8.43