Inchiesta sul calcioscommesse: anche Ferrante rischia

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1310

UDINE. Si è chiusa ieri ad Udine l'ennesima importante inchiesta riguardante il calcio-caos. Questa volta nel mirino della giustizia sportiva sono finiti 21 giocatori professionisti rei, secondo la procura, di essere coinvolti in un maxi giro di scommesse legate al mondo del pallone nostrano.
Nell'inchiesta del PM Lorenzo Del Giudice sono finiti calciatori ancora in attività del calibro di Kalac, Jankulovski, Di Michele, Iaquinta, Margiotta, Pinzi, Ferrante e Sommese.
Per buona parte di essi si riscontra la palese violazione dell'articolo 401/'89 per aver partecipato a «scommesse, giochi e concorsi a pronostici abusivamente raccolti e gestiti»; effettuazioni di operazioni bancarie «con modalità elusive della normativa anti-riciclaggio di denaro».
Al centro di questo "gioco sporco" ci sarebbe Armando Zamparo e la sua compagna T.S., entrambi titolari di una edicola molto frequentata del centro di Udine.
Da tempo la finanza monitorizzava i conti bancari milionari del giornalaio udinese. Tra i presunti compiti di Zamparo troviamo la raccolta di somme di denaro da destinare a scommesse o giochi, il fare da tramite con varie agenzie di scommesse, il procurare password e codici per giocare illecitamente e l'accreditamento di somme per conto terzi su conti on-line presso siti specializzati in giochi d'azzardo.
Tra le gare incriminate ci sarebbero Reggina-Bologna 1-1 dell'8 Maggio 2005 e tre gare del medesimo turno di campionato disputato il 22 Aprile 2006 ossia Ascoli-Cagliari 2-2, Parma-Siena 1-1 e Udinese-Chievo 1-1. Queste tre gare in particolare farebbero parte di una stessa schedina vincente che avrebbe fruttato all'ipotetico vincitore la bellezza di 80000 euro su 10000 puntati.
Ad ogni modo il capo ufficio indagini della Federcalcio Francesco Saverio Borrelli ha già acquisito le carte.
Tra gli indagati quindi spicca anche il nome dell'attaccante del Pescara Marco Ferrante.
Insomma una nuova tegola al quale i tifosi avrebbero fatto volentieri a meno.
In caso di squalifica del numero 9 adriatico i problemi di organico diventerebbero insostenibili per il tecnico Ammazzalorso che avendo già tra gli indisponibili di lungo corso Paponetti sarebbe costretto a fare affidamento sul solo Martini come unica punta di ruolo. Si attendono comunque a breve novità a riguardo nella speranza che per Ferrante le accuse risultino infondate.


COSA RISCHIANO I GIOCATORI COINVOLTI?

La normativa della FIGC che vieta qualsivoglia forma di scommessa da parte di calciatori è stata inasprita a partire dal Novembre del 2005. Se tutte le accuse venissero confermate, i tesserati rischierebbero una squalifica che li terrebbe lontani dai campi di gioco per circa un anno. Naturalmente l'eventuale pena sarebbe scontata solo tra i giocatori ancora in attività. Comunque in caso il tutto non corrisponda ad una "bolla di sapone" va detto che la maggior parte dei calciatori coinvolti opteranno presumibilmente per il patteggiamento della pena in modo da ridurre al minimo le eventuali squalifiche.
Nella stagione in corso ricordiamo che già Flachi e Carrozzieri sono stati squalificati per due mesi per illecito sportivo.

A QUANTO AMMONTA L'IMPORTO GIOCATO?

Gli importi accertati sono quantificabili in circa 700 mila euro. Questa cifra naturalmente non tiene conto di pagamenti in contanti ma fa riferimento a soli versamenti tramite assegni o bonifici. Tra tutti spiccano i quasi 150 mila euro scommessi dall'attaccante del Pescara Ferrante che da solo rappresenta il 20% del totale accertato.
Di seguito ecco le cifre "puntate" riportate in euro:

Abejion 12.100,00;
Bia 15.493,71;
Bordin 500,00;
Di Michele 96.350,00;
Ferrante 146.740,00;
Fresi 3.000,00;
Gregori 14.964,57;
Iaquinta 1.000,00;
Jankulovski 30.000,00;
Kalac 10.000,00;
Manfredini 5.244,69;
Margiotta 27.186,85;
Pierini 53.000,00;
Pineda 105.000,00;
Pinzi 50.632,00;
Scarlato 600,00;
Schwoch 1.500,00;
Sgrigna 1.500,00;
Sommese 4.946,46;
Sosa 120.000,00;
Walem 1000,00.


Andrea Sacchini 06/12/2006 10.37.