Calcio a 5. L’Italia vince nel secondo match contro la croazia

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

853

CHIETI. Seconda sfida tra Italia e Croazia al Pala S.Filomena di Chieti, con l'Italia che presenta alcune novità: il ct Nuccorini non può contare su Bacaro, che ha dovuto lasciare il ritiro per motivi personali, e decide di impiegare Tavano e Amoroso, tenuti a riposo nella gara precedente. E' anche la serata di Andrea Rubei, che entra in campo e diventa così il giocatore con il maggior numero di presenze in assoluto: tocca quota 89 e scavalca nella speciale classifica degli azzurri di tutti i tempi Massimo Quattrini, fermo ad 88. In avvio, dentro il quintetto formato da Angelini, Pellegrini, Fabiano, Vicentini e Zanetti.
La Croazia risponde con Jukic, Despotovic, Salacan, Simurina e Banic. Italia subito all'attacco e pericolosa dopo 1'51” con Zanetti, che con un sinistro da posizione angolata colpisce in pieno la traversa. Ancora Zanetti mette fuori di poco, al 2'25”, con un rasoterra che esce di un soffio alla sinistra del portiere. Al 4'33” assist di Foglia per Grana atterrato all'ingresso in area da Morina: è rigore, dal dischetto va Nando Grana. Il suo destro spiazza il portiere Jukic e porta in vantaggio gli azzurri: 1-0. Al 6'23” il raddoppio di Edgar Bertoni, che calcia una prima volta e sulla respinta del portiere ribadisce in porta: sul tiro c'è una leggera deviazione di Capar, ma ininfluente.
La Croazia si affaccia in avanti con un destro di Leskovar direttamente su calcio di punizione: il tiro s'infrange sulla barriera. La Croazia accorcia le distanze al 10'20”: angolo di Salacan per Banic, che batte di prima intenzione e trova la rete, complice anche una leggera deviazione che angola ulteriormente la sfera. Angelini nulla può: 2-1. Pochi secondi dopo, lo stesso Banic viene ammonito dopo un'entrata scomposta su Tavano. Altra azione degna di nota al 12'33”: destro di Fabiano a lato non di molto. Nella fase centrale del primo tempo, è sempre l'Italia a far valere un certo predominio nel possesso-palla, con la Croazia che si affida a qualche tentativo in ripartenza. Da segnalare un sinistro di Bajrusovic, che però termina a lato senza
impensierire l'attento Angelini. Al 17'00” arria il terzo gol dell'Italia: Edgar Bertoni, servito da Grana, fa partire un gran destro che s'infila all'incrocio dei pali: 3 a 1 e doppietta personale per l'azzurro. Poco dopo Grana si accentra e prova direttamente il destro, che obbliga il portiere Jukic alla difficile deviazione in corner. Al 18'35” Foglia, protagonista di alcune giocate di grande qualità, parte in velocità e s'invola palla al piede verso la porta avversaria: Banic lo ferma con un intervento da tergo e viene espulso per somma di ammonizioni. La scorrettezza del croato porta il sesto fallo a carico della nazionale di Martic: susseguente tiro libero per l'Italia e gol di Patrick Nora, che insacca con un rasoterra angolato alla destra del portiere. Il primo tempo finisce sul punteggio di 4 a 1: dopo una breve esibizione dei piccoli “esordienti” del Cus Chieti nell'intervallo, le due squadre rientrano in campo. Occasione buona per l‘Italia al 6'30”: Nora approfitta di una corta respinta per calciare di sinistro dalla breve distanza, ma Jukic para. Dopo un tentativo di Salacan deviato in angolo da Angelini (6'43”), Foglia regala un altro affondo in velocità e costringe al fallo da ammonizione lo stesso Salacan. Al 7'31” proprio Foglia tenta la girata di sinistro su assist di Bertoni, ma senza fortuna. Ancora Italia, altra occasione con Fabiano, che si vede respingere un tiro ravvicinato da Jukic. Viene ammonito anche Foglia, per proteste. Opportunità per Mantovanelli poco dopo: il suo pallonetto su servizio di Amoroso finisce di poco alto. All'11'00” l'Italia incrementa il vantaggio con un altro gol, stavolta realizzato da Fabiano: diagonale di destro rasoterra nell'angolo dove Jukic non può arrivare. Ancora Fabiano ci riprova ma il suo destro in corsa manda il pallone a lato. Al 13'47” combinazione Zanetti-Amoroso-Pellegrini: tiro alto, ma bella la giocata tutta di prima. Sesto gol per gli azzurri al 14'06”: destro di Bertoni che s'infila a fil di palo, tripletta personale per lui. Gli azzurri giocano sul velluto, mantengono costantemente il controllo del pallone e creano un'altra occasione con Foglia, che per due volte si vede respingere il tiro dal portiere in uscita. C'è gloria poco dopo per Diego Tavano: tocco sotto misura a coronamento di una bella azione corale e palla ancora in rete: 7 a 1 dopo 16'40” della ripresa. La Croazia si rivede al tiro al 18'16”: sinistro di Simurina rasoterra, Barigelli respinge di piede. C'è ancora gloria per il portiere azzurro l 19'23”: Barigelli respinge un tiro libero di Despotovic e si guadagna gli applausi di tutto il pubblico.

Dopo questo secondo test-match, l'Italia giocherà altre due partite contro l'Iran, a Risceglie, sabato 18 e domenica 19 novembre. Per il doppio confronto in terra pugliese, il gruppo azzurro verrà in parte modificato con la convocazione di nuovi giocatori.


ITALIA-CROAZIA 7-1 (pt 4-1 )

ITALIA: Angelini, Pellegrini, Fabiano, Vicentini, Zanetti; Grana, Mantovanelli, Nora, E. Bertoni, Amoroso, Rubei, Tavano, Barigelli, Furlam, Morgado, Foglia. Commissario Tecnico: Nuccorini.
CROAZIA: Jukic, Despotovic, Salacan, Simurina, Banic; Capar, Jakic, Morina, Bogdanovic, Bajrusovic, Leskovar, Gabric. Commissario Tecnico: Martic.
ARBITRI: Vescio (Ita) e Sunjic (Cro).
RETI: pt 4'33” Grana (I, rig); 6'23” Bertoni (I), 10'20” Banic (C), 17'00” E. Bertoni (I), 18'35” Nora (I); st 11'00” Fabiano (I), 14'06” E. Bertoni (I), 16'40” Tavano (I), .
NOTE: presenti in tribuna il presidente della Divisione Calcio a 5 Fabrizio Tonelli, il segretario Fabrizio Di Felice e il consigliere Alfredo Zaccardi. mmoniti Banic, Salacan, Foglia. Espulso Banic (C) per doppia ammonizione al 18'35” pt per doppia ammonizione.

16/11/2006 10.14