Pescara-Vicenza, la partita per giocarsi il futuro

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

923

PESCARA: Questo pomeriggio alle 16 allo stadio "Adriatico" il Pescara attende il Vicenza di Angelo Gregucci. Per i biancazzurri la gara di oggi rappresenta già una sorta di ultima spiaggia condiderata la miseria di un punto racimolato in sette gare. Attualmente la salvezza dista ben sette lunghezze pertanto un eventuale rovescio casalingo contro una diretta concorrente come i veneti schiuderebbe prematuramente le porte della serie C1.
I tifosi si augurano che i frutti del lavoro di Ammazzalorso si possano già vedere oggi, ma sarà molto difficile che la squadra abbia già assimilato il calcio che intende professare il tecnico italo-argentino.
Per far sua l'intera posta il Pescara dovrà sicuramente evitare tutti quegli svarioni difensivi che hanno portato al non certo esaltante dato di 11 reti subite in appena sette incontri.
Come accaduto in occasione della gara interna contro il Frosinone la "Curva Nord" sarà in sciopero e la parte centrale del settore "Mazza" rimarrà vuoto in segno di protesta contro l'attuale dirigenza.
Dopo un inizio di campionato disastroso è il momento di svegliarsi, di recuperare il terreno perduto prima che sia troppo tardi. Aspettare i rinforzi di Gennaio per iniziare la rincorsa alla permanenza nella cadetteria è folle. Il Vicenza è l'avversario ideale da affrontare in questo momento visto che i biancorossi hanno gli stessi problemi degli adriatici in quanto a gioco e risultati. Sul piano tattico Ammazzalorso varerà alcune importanti novità, comunque ampiamente preventivate alla vigilia:
«Molto probabilmente opterò per un centrocampo a cinque che possa garantire più equilibrio e copertura alla squadra rispetto allo schieramento visto all'opera contro il Frosinone. Antonelli e Rigoni hanno le potenzialità giuste per supportare l'unica punta. Carozza potrebbe giocare in un centrocampo a tre. Per quanto riguarda la composizione della linea difensiva saprete domani le mie scelte».

L'ex tecnico di Ascoli e Salernitana sceglie un modulo 4-3-2-1 modificabile in un 4-5-1 in fase di non possesso palla. Indisponibili causa infortunio Papini, Vicentini e Paponetti. Spadavecchia è confermato tra i pali. In difesa la sorpresa è rappresentata dall'esclusione dal primo minuto di Delli Carri. Sull'out di destra agirà Demartis con Zoppetti dirottato in mezzo in coppia con l'affidabilissimo Gonnella.
Aquilanti a destra, a meno di sorprese, completerà il pacchetto arretrato adriatico. Centrocampo a tre composto da Luci, Moscardi e dal playmaker Carozza. Quest ultimo in caso Delli Carri non sarà della partita indosserà l'ambita fascia da capitano. Le idee di Rigoni ed Antonelli, entrambi in evidente ripresa nell'ultimo incontro casalingo disputato, in appoggio dell'unica punta Ferrante che dovrebbe vincere agevolmente il ballottaggio con Martini nonostante il "cucchiaio" sbagliato di Sabato scorso. Felci, Gautieri e Gimenez troveranno posto in panchina.

Per contro, Vicenza disegnato dal tecnico Gregucci secondo i canoni del classico 4-4-2. Zancopè sostituisce in porta l'infortunato Guardalben. Linea di difesa a quattro formata da Martinelli, Fissore, Pesoli e Nastos. Coppia centrale di mediani composta dal duo Helguera-Rigoni. Sugli esterni la velocità di Raimondi e Padoin. Sgrigna-Cavalli comporranno il tandem offensivo biancorosso. I veneti saranno seguiti all' "Adriatico" da una settantina circa di sostenitori.

La gara sarà diretta dal Sig. Domenico Celi di Campobasso, settimo esordiente consecutivo sulla strada dei biancazzurri. Il fischietto molisano sarà coadiuvato da Sig.ri Gabriele Burdin di Cormons (GO) e Riccardo Di Fiore di Aosta. IV° uomo il vastese Lorenzo Spadaccini.


LE FORMAZIONI IN CAMPO:

PESCARA (4-3-2-1) All. Ammazzalorso.

1=SPADAVECCHIA
16=AQUILANTI
3=ZOPPETTI
18=GONNELLA
26=DEMARTIS
15=CAROZZA
11=MOSCARDI
21=LUCI
7=ANTONELLI
10=M. RIGONI
9=FERRANTE


VICENZA (4-4-2) All. Gregucci.

12=ZANCOPE'
14=MARTINELLI
6=FISSORE
28=PESOLI
13=NASTOS
7=RAIMONDI
16=HELGUERA
4=L. RIGONI
21=PADOIN
40=CAVALLI
74=SGRIGNA

Andrea Sacchini 21/10/2006 8.24