Andrea Conti: «L’obiettivo del Lanciano resta la salvezza»

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

3588

Andrea Conti: «L’obiettivo del Lanciano resta la salvezza»
Lanciano-Ancona sarà la sfida degli ex, infatti sono moltissimi i rossoneri che vantano trascorsi nelle file doriche: da Bolic ad Andrea Conti, passando per i vari Triuzzi, Vidallè, Baldini e Carboni, senza tralasciare il tecnico Andrea Camplone che, da giocatore ha vestito la casacca biancorossa.
Così Andrea Conti, figlio d'arte dell'indimenticabile Bruno Conti (campione del mondo di Spagna '82), nato a Roma il 23 agosto 1977, esterno destro della squadra frentana si appresta a vivere domenica una giornata del tutto particolare.
Cresciuto nelle giovanili della Roma, ha militato nella stagione del 2005-'06 nella società dorica; questa è la sua terza avventura con il Lanciano.

Sette partite, dodici punti, a tre dalla vetta. Dove può arrivare il Lanciano?
«Il nostro obiettivo primario rimane sempre quello della salvezza; poi, magari raggiunto lo scopo cercheremo di fare altri progetti».

Modulo tattico: 4-3-3 che esalta molto le tue caratteristiche tecniche.
«Questo modulo l'ho già praticato quando militavo nell'Ancona e debbo dire che mi sono trovato molto bene in questo ruolo. Ora il mister mi sta dando fiducia e credo che stia andando tutto per il verso giusto».

Quali sono i pregi e difetti di questa squadra?
«La nostra essendo una squadra molto giovane mi sembra normale che pecchiamo di inesperienza. Dobbiamo restare concentrati per 95 minuti e non cedere a cali di concentrazione durante il corso di una partita, altrimenti si rischia come è successo nell'incontro casalingo contro il Taranto».

Lanciano-Ancona. Secondo te, che partita sarà?
«Sicuramente, sarà una partita difficile perché loro vengono da una sconfitta subita in casa e non riescono a fare risultati. L'Ancona è una squadra di categoria superiore, però se sapremo affrontare con il ritmo, l'agonismo giusto l'incontro non ci dovrebbero essere ulteriori problemi».

Lanciano, a un passo dal paradiso: vietato sognare?
«Alla fine i sogni si avverano sempre… noi cercheremo di mettercela tutta come stiamo facendo alla fine vedremo».

Rita Consorte 20/10/2006 14.32