Pescara-Frosinone: nuovo allenatore, vecchie contestazioni

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1024

PESCARA: E' sereno Aldo Luigi Ammazzalorso alla vigilia della prima di due gare consecutive in casa del suo Pescara. Il tecnico italo-argentino si è già calato nella nuova esperienza in riva all' "Adriatico" con pieno entusiasmo.
«Ho già detto in più riprese di essere orgoglioso di allenare una squadra dall'importante passato come il Pescara», ha detto, «di conseguenza spero di poter fare più punti possibili a partire da domani (oggi per chi legge). Ho già deciso la squadra che scenderà in campo ed anche il modulo, rappresentato da un elastico 4-4-2. Il Frosinone è una squadra che al pari nostro lotterà per la salvezza. Sono almeno al nostro stesso livello pertanto sono convinto che i miei ragazzi possano conseguire la prima vittoria in campionato proprio contro i ciociari. I giocatori sono concentrati e convinti di poter centrare l'obiettivo dei tre punti. Spero che i tifosi comprendano il nostro momento difficile sostenendoci dal primo all'ultimo minuto».

Riguardo le formazioni, Pescara disegnato dal tecnico Ammazzolorso secondo i canoni del 4-4-2. Non convocati per vari acciacchi Vicentini, Gimenez e Papini. Ballottaggio Spadavecchia-Tardioli in porta con il primo favorito nonostante gli "erroracci" di Domenica a Modena.
Linea difensiva a quattro confermata con Demartis a sinistra, Zoppetti a destra e la coppia centrale formata dal duo Delli Carri-Gonnella. Sugli esterni agiranno Rigoni ed Antonelli.
L'ex ala del Chievo a meno di sorprese sarà dirottato sull'out di destra. In mezzo l'esperto Moscardi scontata la squalifica farà reparto con il gioiellino Carozza che cercherà di illuminare il gioco degli adriatici.
Tandem offensivo composto dall'inamovibile Ferrante e da Paponetti, preferito a Martini. Non è comunque da escludere l'impiego dell'ex attaccante proprio del Frosinone dal primo minuto in luogo dell'aitante ex bomber della primavera. Panchina per Aquilanti, Gautieri e Luci.
Per contro l'ex Ivo Iaconi risponde con un offensivo 4-4-2. Indisponibili Carbone, Ogliari, Bellè, Fialdini, Rimondi e Zaccagnini. Gli undici dell'ex tecnico protagonista dell'ultima promozione dei biancazzurri in serie B annata 2002/2003: Pagani, Lacrimini, Antonioli e Cannarsa a protezione della porta difesa da Zappino.
Quest ultimo preferito al più esperto Chiodini. Coppia di mediani formata da Anaclerio e Perna. Sugli esterni spazio alla velocità e alla fantasia di Galasso, vanamente inseguito questa estate dal Pescara e Di Venanzio. Magiotta e Lodi a reggere le sorti dell'attacco ciociaro. I gialloblù saranno seguiti all' "Adriatico" da circa 600 sostenitori.

Arbitra l'incontro l'esordiente in cadetteria Antonio Damato di Barletta (Bari) coadiuvato da Sig.ri Maurizio Liberti di Genova e Paolo Bernardoni di Modena. Quarto uomo Marco Viti di Campobasso.

E' previsto lo sciopero del tifo tra gli ultras biancazzurri che protestano contro la cattiva gestione a loro parere del presidente Dante Paterna. Già nella serata di ieri un gruppo di circa 100 tifosi della curva "Mazza" hanno contestato la società biancazzurra presso la sede sociale in Via Mazzarino. Per fortuna la protesta è stata civilissima e non ci sono stati incidenti. In caso lo sciopero del tifo organizzato fosse confermato, non si conoscono i dettagli precisi della protesta che potrebbe riguardare assenza di cori, curva vuota o altro.


Andrea Sacchini 14/10/2006 8.49



COSA NE PENSI? SCRIVILO NEL BLOG