Il Pescara affronta il Bari: vietato sbagliare

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

972

PESCARA. Si spera sarà un Pescara fortemente deciso a cancellare la sfortunata sconfitta di Sabato a Mantova quello che questa sera alle 20.30 affronterà il Bari allo stadio "Adriatico". Arduo capire cosa è cambiato in appena tre giorni ma i biancazzurri oggi potrebbero invertire quel trend negativo iniziato contro il Bologna. Sotto la lente di ingrandimento un po' tutti gli elementi della rosa, chiamati ad una reazione di orgoglio dopo gli ultimi rovesci. Si attende inoltre un marcato miglioramento anche della condizione fisica dei singoli nonchè del gioco di squadra, fin qui positivo nei primi tempi e disastroso nelle seconde frazioni di gioco.
Ballardini a meno di sorprese dovrebbe dare fiducia agli stessi undici della gara persa in Lombardia. Tutti disponibili per il tecnico ravennate ad eccezione di Vicentini ancora alle prese con noie muscolari. Il bomber Ferrante, uscito malconcio dopo l'ultimo turno di campionato, ha pienamente recuperato e prenderà posto in attacco al fianco di uno tra Paponetti o Martini.
Davanti il confermato Spadavecchia, l'unico dubbio è l'impiego di Gimenez dal primo minuto sull'out di sinistra. L'argentino dopo l'ultima prova non troppo esaltante potrebbe lasciare il posto a Demartis, jolly difensivo adattabile anche al ruolo di terzino sinistro. Il reparto difensivo è completato dai "soliti" Gonnella, Delli Carri e Zoppetti. A centrocampo almeno in partenza la coppia di mediani sarà composta da Moscardi e Papini. Non è da escludere comunque che nella ripresa Ballardini possa cambiare volto alla propria squadra optando per la classe e la corsa di Luci o per la tecnica sopraffina di Carozza, abilissimo nei calci piazzati. A Rigoni che agirà sulla fascia di sinistra ed Antonelli che si sistemerà sull'esterno destro il compito di fornire palloni giocabili e soprattutto assist al confermato tandem offensivo Ferrante-Paponetti. Non è da escludere ad ogni modo la presenza di Martini in luogo dell'aitante ex attaccante della primavera biancazzurra.

Ecco l'elenco completo dei convocati:
Portieri: Spadavecchia e Tardioli;
Difensori: Zoppetti, Delli Carri, Demartis, Giménez, Gonnella e Olivieri;
Centrocampisti: Antonelli, De Falco, Rigoni, Moscardi, Gautieri, Carozza, Aquilanti, Papini, Luci e Felci;
Attaccanti: Ferrante, Paponetti e Martini.


IL BARI:

Per quanto riguarda gli ospiti, restano in Puglia per guai fisici Esposito, Berardi e soprattutto Carrus. A Bellavista il compito di non far rimpiangere l'ottimo regista di centrocampo, fondamentale nella costruzione delle trame offensive della squadra biancorossa. Sarà della partita l'ex di turno Vittorio Micolucci che ha militato in biancazzurro nella fortunatissima stagione 2002/2003, culminata con la vittoria ai play-off contro il Martina Franca. Carboni schiera un 4-2-3-1, facilmente modificabile in un 4-5-1 in fase di non possesso palla. Davanti il belga Gillet difesa a quattro con Gervasoni, Pianu, Milani e Micolucci. Playmaker Brambilla affiancato dal rubapalloni ex Perugia Fusani.
Gazzi, Tabbiani e Mora sono le mezzepunte che supporteranno l'unico terminale offensivo Santoruvo, cliente estremamente ostico per la retroguardia pescarese. A partita in corso spazio alla fantasia ed alla velocità di Di Vicino, Ganci e Vantaggiato inizialmente tutti e tre in panchina. I pugliesi potranno contare anche nella trasferta di Pescara di un discreto seguito di pubblico.


L'ARBITRO:

Sarà Denis Salati della sezione di Trento il fischietto di questa sera, coadiuvato dagli assistenti Marco Sacco di Civitavecchia (ROMA) ed Alessandro Italiani dell'Aquila. Quarto uomo Angelo Giancola di Vasto (CH). Sia i galletti sia i biancazzurri non hanno mai incrociato il fischietto trentino, alla sua seconda presenza assoluta nel campionato di serie B.


Andrea Sacchini 19/09/2006 8.37



IL BLOG DEL TIFOSO