Champ car. Il duo Forsythe trionfa a Toronto

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

954

TORONTO. La prima prova qualifica per il G.P. di Toronto è passata alla storia per il suo svolgimento altalenante, con Paul Tracy, Justin Wilson, A.J. Almendinger e…il francesino Nelson Philippe che si èpermesso di inserirsi terzo, lasciando di stucco Tracy che aveva fatto fuoco e fiamme prima di sfiorare il muretto ad un giro dalla fine, concludendo al quarto posto.
E il “redivivo” A.J. Allmendinger non ha sudato molto a fermare il cronometro sui 58”.621 dinanzi al compagno di squadra Wilson (Rusport). Nelle immediate retrovie si sono piazzati Sebastian Bourdais, Christiano Da Matta e Bruno Junqueira.
Il secondo turno di qualifica, dopo una serie di attacchi decisi da parte di Tracy, e compagni, il record detenuto da Cristiano Da Matta nel 2000 crollava e Justin Wilson strappava la prima pole stagionale in 58.776 (la terza della carriera) seguito dall'ostinato Allmendinger, da Bourdais che accusava noie al motore e …traffico causato da Paul Tracy. E' stato annunciato che il 3-4agosto la Champ car effettuerà test sul magnifico stradale di Road America che poi parteciperà alla gara di Settembre, come da calendario.

JUAN PABLOMONTOYA,
divorziato dalla F.1 è giunto a Chicago insieme al Chip Ganassi, col quale ha firmato
un contratto biennale per guidare nella serie Nascar stock con la vettura 42 rimpiazzando Casey Mears.
L'italo Americano, che ha detto: «Se si farà una unione tra la Irl e Champ car, passeremo in quella serie, altrimenti Pablo farà molto bene nelle stock (dove germogliano copiosi i dollari) (Foto) «Sarà un po' duro all'inizio, ma io conosco la decisione e la grinta di Juan e sono certo che otterrà risultati positivi».
Visto nei box il nostro Giorgio Pantano con il suo agente David Sear che ha avuto contatti con i patron di alcuni team, in vista del 2007. Pantano amerebbe poter correre per il team My Jack, e si spera che le trattative vadano in ponte.

LA CORSA
Una partenza veloce, elettrizzante, sicura, e Wilson ce la fa a tener a bada Allmendinger, Bourdais e Tracy con Philippe, Servia, il valido Rooke Ranger e Junqueira di spalla.
Nona passata Jan Heylen entra in testa coda, pizzicato da Katherine Legge, ed appare la bandiera gialla, che riappare al 18 giro per un contatto di Zwolsman. Philippe continua a guidare, dopo l'incidente di Heylen ma alle spalle sono Allmendinger, Junqueira Wilson, Bourdais, Tracy e Tagliani.
Trentacinque giri e le posizioni sono invariate con il coraggioso Philippe in testa, tenacemente attaccato da Allmendinger che al giro successivo prende il comando poiché il francese deve fare il pieno. Intanto Tracy rimonta Bourdais, e Tagliani e si porta sulla scia di Wilson e Allmendinger.
45 giro.Tracy punta deciso e annulla la difesa di Wilson, che passa terzo, e poco dopo viene rimontato anche da Bourdais che si scuote dal”torpore”momentaneo.
Cinquanta tornate ed i leader rientrano al pit per il pieno. Ora inizia la battaglia del metanolo che potrebbe decidere la sorte.
Sessantotto giri e Katherine Legge va contro il muro ed abbandona commentando: «Qualcosa s'e'rotto nel sistema guida, ed io non ho potuto tener lontana la macchina dal muro..»
77 numero porta sfortuna per Servia e Philippe che in curva assalta lo spagnolo e dopo un lungo scivolone, finiscono in un ammasso di gomme. Gli ultimi giri appartengono ad Allmendinger che ha guidato con grinta, al compagno di squadra Paul Tracy e a Bourdais il cui tentativo finale di sorpasso non ha dato il risultato sperato per la guida esperta del pilota della Forsyth Indeck, gia' due volte vincitore sul circuito canadese
Terza vittoria consecutiva per l'ex pilota della Rusport Allmendinger che alla vigilia ha avuto un deciso battibecco col suo neo “patron”, Jerry su spinta del suo agente, il quale chiedeva promesse esose cher però non son piaciute a Forsythe che ha rimesso subito le cose a posto.
Lino Manocchia SSNphoto.com
11/07/2006 9.11