L’Aquila. Domenica gran finale del torneo "Bucci"

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1241

Un corteo per le vie principali del centro storico e gli incontri di finale delle varie categorie caratterizzeranno, domenica 4 giugno, la giornata conclusiva del torneo di calcio “Bucci”, organizzato dall'assessorato allo Sport in collaborazione con la Federazione italiana gioco calcio e le società sportive del comprensorio dell'Aquila.
Domenica, alle 15, atleti, dirigenti e tecnici si ritroveranno a piazza Duomo e, attraversando corso Vittorio Emanuele, piazza Battaglione degli Alpini e viale Gran Sasso, arriveranno allo stadio Tommaso Fattori, dove sono in programma le partite che concluderanno questa manifestazione, oltre ad alcuni momenti di intrattenimento.
In particolare, secondo il programma allestito dall'assessorato allo Sport, alle 15.30 e alle 16.15 si svolgeranno dei giochi per i bambini, segnatamente per le categorie “Primi calci” e “Pulcini”. I piccoli partecipanti saranno premiati alle 17.
Alle 17.30 finalissima della categoria “Esordienti” tra Federlibertas e Amiternina. La seconda finale, per la categoria “Allievi”, tra le stesse due società, è prevista per le 18.30. Le premiazioni per queste due categorie, unitamente a quella dei “Giovanissimi” (già assegnato il titolo, con il successo dell'Amiternina), avverrà alle 20.
Alle 20.15 la finale tra le formazioni maggiori, che sarà anticipata, alle 18 di sabato, sempre al Fattori, dalla partita valida per l'assegnazione del terzo e del quarto posto. La premiazione si svolgerà al termine della finalissima. Sono in lizza le formazioni del San Gregorio, del Lucoli, del Coppito e del Bazzano.
«Non era facile ripristinare un torneo come il ‘Bucci', fiore all'occhiello della storica società dell'Aquila 99 – ha dichiarato l'assessore allo Sport, Roberto Tinari -, soprattutto per quanto riguarda il taglio di alto profilo che quel sodalizio era riuscito a conferire a tale iniziativa. Possiamo dire di aver vinto una sfida, vista la partecipazione delle società e il fatto che è stato dato spazio agli atleti di tutte le età, dai più piccoli ai più grandi. Contiamo di ripetere questa manifestazione, puntando a migliorarla».

01/06/2006 16.01