Handball. Doppietta pescarese nei campionati giovanili

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1114

Grande doppia impresa della AS Pescara PROGER nei campionati giovanili.
Sabato 20 le ragazze della Under 14 femminile, battendo il Torelli Teramo per 32 a 10, si sono laureate campionesse regionali di categoria.
La vittoria era praticamente in tasca, avendo un vantaggio in gara 1 giocata a Teramo, di ben 27 gol.
Più che una formalità la gara di ritorno, che ha comunque ribadito l'incredibile progresso tecnico e tattico delle giovanissime pescaresi (età media 12 anni), che hanno letteralmente dominato, con larghissimo margine di vantaggio, su tutte le avversarie della fase finale. Le stesse ragazze, ad inizio campionato, avevano perso contro le cugine tramane, e pareggiato nella gara di ritorno.
Nei play off è invece emerso tutto il sacrificio e l'impegno che le ragazze dell' AS Pescara PROGER hanno messo in questa stagione.
Sicuramente è stato utilissimo e fondamentale il gravoso impegno di dover affrontare in contemporanea il campionato di serie B, giocato in pratica dalle stesse giocatrici, che le ha forgiate di esperienza e coraggio. Il grande lavoro dell'allenatrice Tatiana Borisova è stato così premiato nel migliore dei modi.
Le sue “pulcine” sono cresciute oltre le più rosee previsioni ed ora attorno a lei è nata una vera e propria “covata” di campionesse in erba. Un encomio importante va anche riconosciuto a tutti i genitori delle giovani atlete, che hanno coadiuvato la società nella gestione del campionato, ed in particolare le signore Rossella Poggiali ed Elvira Csete, che sono entrate in società come dirigenti. E questo è un altro ottimo risultato, l'aver ben integrato le famiglie e la società, con grande beneficio per l'educazione delle ragazze.

Domenica 21 è arrivato, attesissimo, l'altro titolo regionale. Quello della under 15 maschile.
Nella ultima partita di campionato, si sono affrontate a Guardiagrele, i padroni di casa e i ragazzi della AS Pescara PROGER. I pescaresi arrivavano a questo ultimo incontro con tre punti di vantaggio sugli avversari e la possibilità di laurearsi campioni anche perdendo di 7 gol di scarto, grazie alla differenza reti negli scontri diretti. Giocare a Guardiagrele non è facile per nessuna squadra. Campo piccolo e corto, al limite estremo della regolarità. I biancoazzurri, sentivano l'emozione per il risultato ormai vicino e stentavano ad entrare in partita, subendo per lunghi tratti l'iniziativa degli avversari. Ogni tanto però si ricordavano di essere la squadra più forte del campionato, ingranavano la 5a e si rifacevano sotto. La partita in pratica si svolgeva così. Appena i guardiesi allungavano, subito i pescaresi recuperavano la parità, fino al risultato finale di 31 a 29 per i padroni di casa. Pescara campione, nonostante la sconfitta.
Anche qui da rilevare in gran lavoro di Michele Mastrangelo, mister inflessibile ma adorato dai suoi ragazzi, e di un nutrito stuolo di “mamme supporter” che hanno seguito con impegno e calore i propri ragazzi durante questo lungo e difficile campionato. Nota di merito a parte per papà Verdecchia (vero uomo tuttofare per la società) e papà Aldamonte (lo spirito allegro del gruppo) anche loro dirigenti, che hanno dato una grossa mano per la gestione del gruppo.

Ora le fasi nazionali di Misano Adriatico attendono i ragazzi. L'Abruzzo sarà rappresentato da entrambe le squadre della AS Pescara. Bel motivo di orgoglio per la nostra città. I vincitori di questo campionato nazionale, avranno il diritto di cucirsi lo scudetto sulle maglie……forza ragazzi.

24/05/2006 9.11