E Moggi assicurava alla Iena: «La Gea? Tutto regolare»

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1802

In una intervista tv il figlio di “Big Luciano” garantiva : «Nessuna sudditanza psicologica arbitri nei confronti della Juve». Rivedi quell'intervista. Anche Report si era occupato del caso. Rivedi quella puntata alla luce del nuovo scandalo

In una intervista tv il figlio di “Big Luciano” garantiva : «Nessuna sudditanza psicologica arbitri nei confronti della Juve».
Rivedi quell'intervista. Anche Report si era occupato del caso. Rivedi quella puntata alla luce del nuovo scandalo



Tutta la Gea indagata per associazione per delinquere. Il direttore generale della Juventus Luciano Moggi, il figlio Alessandro, l'amministratore delegato Franco Zavaglia, il vice presidente Riccardo Calleri, Giuseppe De Mita e Chiara Geronzi uno dei soci fondatori, sono tutti indagati per «associazione per delinquere finalizzata alla frode in competizione sportiva». L'indagine era partita in seguito alle dichiarazioni di Dal Cin, (giugno 2004), che aveva parlato di una «combriccola» di arbitri controllata dalla Gea. I pm sono oggi in possesso di una serie di elementi che si riferiscono all'intero campionato 2004-2005.
Eppure era proprio Alessandro Moggi qualche tempo fa in una intervista doppia delle Iene (insieme a Franco Baldini ex Ds della Roma) a dire che alla Gea era tutto regolare.
Una cosa era evidente dalle risposte del Presidente Gea: «Tutti sono contro mio padre perché vince». Moggi spiegherà inoltre che la Gea è «una società di marketing e procure sportive» che «non esiste un conflitto d'interesse tra la società e Luciano Moggi» e che nel calcio, «non esistono lobby» o « «sudditanza psicologica degli arbitri nei confronti della Juve». Più incisive, invece le risposte di Baldini.


RIVEDI IL VIDEO DELLE IENE
 

Anche Report di Milena Gabanelli si era occupato della Gea e di Moggi nel lontano 2003.
Rivedi quella puntata (PUNTATA INTEGRALE)
IL TESTO INTEGRALE DELLA PUNTATA



08/05/2006 10.23