MOTORI. Incidente mortale in Florida al campionato Irl: perde la vita Paul Dana

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2130

Inizio funesto per la serie Irl sull'ovale di Homesteadt.ad un tiro di fucile da Miami. Durante il warmup del mattino, il pilota Ed Carpenter, figliastro di Tony George
(patron dello speedway di Indy), alla curva 2 non riusciva a governare la macchina che finiva contro il muro, quindi carambolava all'interno e lentamente finiva sul bordo della pista.
Un paio di macchine lo evitavano, ma Paul Dana,del team Rahal arrivava sparato (176 miglia orarie) e finiva con veemenza sul posteriore della vettura che perdeva il motore ed altri pezzi, per poi prendere il volo alzandosi di circa 10 metri in aria.
Prontamente trasportati all'ospedale, Carpenter apparentemente non riportava gravi danni fisici, mentre il povero Dana, che il 15 aprile avrebbe compiuto 31 anni, decedeva per l'urto micidiale.
Rahal ritirava le altre due squadre con Danica Patrick e Buddy Rice.
Dana lo scorso anno durante le prove ad Indy, riportava fratture alla schiena ed era tuttora in via di guarigione. La stampa all'unanimità' ha definito, ancora una volta, le corse su ovali «estremamente pericolose e decisamente da abolire».

LA CORSA Con le note tristi dell'annunciatore, i 16 rimasti in griglia prendevano il via. Poco dopo pero' Buddy Lazier si fermava con la vettura in fiamme. Marco Andretti lasciava a bocca amara nonno Mario e papa' Michael quando scattava prima della bandiera verde, veniva punito con uno stop and go, e poco dopo, il semiasse posteriore cedeva terminando innanzitempo la prima sortita del rooke Andretti.
Dopo 50 dei 200 giri dell'ovale Sam Hornish, il campione della serie
Don Weldhon,Dario Franchitti. Tony Kanaan e Scott Dixon animavano la gara.
Al giro di boa, le posizioni erano le stesse. In gara restava una dozzina di “reduci” che arrancavano alla meglio. Tutto lasciava credere Sam Hornish pilota di Roger Penske-3 volte vincitore su
questa pista- avrebbe fatto piazza pulita, ma alla 177ma passata
l'inglese Wheldon –un vero campione- guizzava in testa inseguito da Franchitti e Dixon.
A questo punto la corsa si animava un po'. Wheldon egli altri effettuavano il pieno, Castroneves rientrava primo e puntava deciso tenendo a bada Weldhon che pero' a 15 giri dalla fine,il pilota di Chip Ganassi, dava vita ad un duello mozzafiato, ruota a ruota, sino a quando, trovato uno spiraglio, rimontava il brasiliano che finiva secondo, inseguito da Hornish, Franchitti e Dixon. Alla media di 215 miglia, l'inglese segnava anche il record dei distacchi:14millesimi di secondo. Un battito di palpebra.
Domenica la Irl corre a St Petersburg, sempre in Florida, su strada.
Lino Manocchia 27/03/2006 16.06