Delfino Pescara, mercato ancora in stallo

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2963



PESCARA. In casa Pescara trascorrono i giorni ma su diverse trattative permane una situazione di sostanziale stallo.
Saltata la pista che portava a Catinali, troppo elevate le richieste del giocatore e del procuratore, si setacciano altre strade per trovare il sostituto naturale di Coletti passato al Foggia.
Al momento in lizza ci sarebbero Cascione della Reggina, difficile per l'elevato ingaggio e per la domanda dei calabresi, lo svincolato Nicco e l'oramai ex regista del Mantova Carrus.
Per quanto riguarda il reparto difensivo, il duo Delli Carri-Lucchesi considera completa la batteria di centrali con Mengoni, Olivi, Romito e Sembroni.
Sugli esterni, considerato l'addio per scadenza di contratto di Medda, i biancazzurri si sono mossi per trovare sostituti.
Sono in dirittura d'arrivo le trattative per lo svizzero Nef dell'Udinese e Mazzotta in comproprietà tra Palermo e Lecce.
Il primo arriverebbe in comproprietà con l'ingaggio diviso tra le due squadre, mentre il giallorosso approderebbe in riva all'Adriatico con la formula del prestito secco.
Entrambi in ogni caso rappresenterebbero un buon investimento in vista del prossimo campionato cadetto.
Ormai sfumata invece la pista Migliore per le elevate richieste del Giulianova, che a giorni potrebbe cedere il giovane terzino in cadetteria al Grosseto.
In avanti resta sempre in stand-by l'operazione Bruno.
Sostanzialmente non è cambiato nulla rispetto alle ultime settimane: l'attaccante ex Modena chiede un ricco triennale mentre la società pescarese è ben disposta ad offrire un biennale a cifre più consone all'età del giocatore.
Discorso a parte merita il portiere. Qualora Pinna verrà ritenuto cedibile il delfino si getterà con decisione su Lupatelli, nelle ultime ore dato vicinissimo in A al Bologna.
Poche novità anche sul fronte cessioni.
Prisco potrebbe essere ceduto al Pergocrema mentre Pomante, che non rientra nei piani tecnici della società, entro fine mese partirà in prestito.
Stesso destino per Camorani, Scappaticci, Zizzari e gli altri giocatori rientrati a giugno dai prestiti in giro per l'Italia.

Andrea Sacchini 12/07/10 11.31