Festa Delfino Pescara: «ci sono i presupposti per un grande futuro»

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

11471



PESCARA. Tecnici e dirigenza al completo della Delfino Pescara ieri mattina sono stati ricevuti in Comune a Pescara dal sindaco Luigi Albore Mascia, dall'intero consiglio comunale e da diversi sindaci della provincia pescarese. Presente anche il presidente della Provincia, Guerino Testa.
Al termine della premiazione il primo cittadino del capoluogo adriatico ha voluto sottolineare la grande impresa di giocatori, tecnici e dirigenti del Pescara che permetteranno alla città, dopo anni di assenza, di essere rappresentati l'anno prossimo in serie B: «è un momento significativo ed un privilegio per me, per tutti i consiglieri e assessori comunali e per il presidente della Provincia Testa poter premiare la Delfino Pescara per la splendida impresa sportiva» – racconta Luigi Albore Mascia – «che vedrà il Pescara in serie B dopo tanti anni di sofferenza calcistica. Ovviamente la speranza è che Pescara non si fermi in cadetteria ma guardi anche più in là nell'immediato futuro».
«Questo gruppo societario» – va avanti il primo cittadino pescarese – «ha tutte le carte in regola e la serietà per poter puntare ancora più in alto. Ci sono tutti i presupposti, economici e professionali, per poter rivedere il Pescara nell'olimpo del calcio. Il tutto grazie anche al supporto del pubblico, decisivo nella conquista della serie B».
Archiviata ormai la stagione, l'attenzione è tutta rivolta all'anno prossimo: «ora vedremo la società come si muoverà sul mercato. Bisognerà operare senza però smembrare l'attuale impalcatura della squadra, prontissima già ad un campionato di buon livello. Abbiamo visto squadre vincere serie C e B puntando tutto sulla forza del gruppo. Certamente l'entusiasmo tra i tifosi è alle stelle e non scemerà al termine dell'estate».
Conclusione dedicata allo stadio Adriatico: «al momento il settore ospiti ha una capienza di circa mille spettatori. Sufficiente per i regolamenti della serie B che prevedono il 5% della capienza totale da destinare alla tifoseria ospite. In ogni caso ci sarà tutta l'estate per valutare la situazione ed eventualmente procedere ad ulteriori migliorie per garantire la riapertura della Curva Sud.»
Primi giorni di lavoro infine per il nuovo Ds biancazzurro Daniele Delli Carri, che entro il 25 giugno dovrà risolvere tutte le comproprietà prima di arrivare alle buste. Sono diversi i casi spinosi per il Pescara, ma le preoccupazioni maggiori sono per gli oltre 10 calciatori che per fine prestito faranno ritorno in riva all'Adriatico. Molti di loro, quasi tutti, non rientrano nei piani tecnici della società e sono in attesa di trasferimento verso altri lidi. Su tutti Artistico, Camorani, Stella, Vicentini ecc.
Una volta ceduto qualche elemento ci si potrà gettare con forza e convinzione sui possibili arrivi. Al momento le priorità sono un regista di centrocampo e una punta valida capace di raggiungere la doppia cifra. Gli indiziati numero 1 sembrano essere Carrus del Mantova e Iunco del Chievo Verona, che l'anno scorso ha giocato tra le fila del Cittadella.

Andrea Sacchini 22/06/2010 8.14